Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 10.04.07 13:08.

L'articolo precedente è
Giusi Marchetta, casertana, tra i finalisti del Calvino.

Il prossimo articolo è
Sintesi del Consiglio Comunale di martedì 10 aprile.

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« Giusi Marchetta, casertana, tra i finalisti del Calvino | Pagina principale | Sintesi del Consiglio Comunale di martedì 10 aprile »

Aste Littorie di Luca de Rosa Segretario Sezione PdCI Aversa

aversa_arco.jpgIn era fascista furono eretti sopra i due orologi dell’Arco
dell’Annunziata-Porta Napoli due fasci littori. Giustamente, sia dal punto di vista
politico che architettonico, essi furono abbattuti alla fausta caduta
del regime fascista. Sono inopinatamente sopravvissute sino ai giorni nostri
solo le due aste in metallo che ne costituivano il supporto. In era fascista furono eretti sopra i due orologi dell’Arco dell’Annunziata-Porta Napoli due fasci littori.

Giustamente, sia dal punto di vista politico che architettonico, essi furono abbattuti alla fausta caduta del regime fascista. Sono inopinatamente sopravvissute sino ai giorni nostri solo le due aste in metallo che ne costituivano il supporto. Queste aste sono ancora lì senza avere alcun valore storico, artistico o architettonico, anzi deturpano la bellezza e l’armonia dell’arco e dei suoi due orologi. Ammiriamo esterrefatti in questi giorni che anziché provvedere finalmente alla loro rimozione e restituire l’aspetto integro ed originale al monumento, si sono adoperate le due aste per issarvi due enormi bandieroni azzurri con un piccolissimo stemma della città. La cosa è di una evidente bruttura e deturpa la porta che è simbolo della Città. E’ come se sul Colosseo sventolasse la bandiera della Città di Roma o sul Duomo di Milano il gonfalone della città: ridicolo. Ma l’amministrazione comunale, la sovrintendenza, le associazioni che si occupano del patrimonio artistico ed architettonico della Città cosa fanno? Tacciono? Sono gli autori o solo i silenti complici di questa bruttura? Si rimuovano subito quelle due ridicole bandiere e si tolgano finalmente quelle due inutili e deturpanti aste metalliche. Nel frattempo non sarebbe neanche male che finalmente i due orologi tornassero a funzionare: l’illuminazione notturna ci costringe oramai a prendere atto anche di notte che essi sono inesorabilmente fermi. E poi vorrei che qualcuno dei suddetti mi spiegasse anche perché sulla torre campanara è stato realizzato quel grigio e bruttissimo villino abusivo, con quella tristissima ringhiera di tubi innocenti, che non è visibile in nessuna delle foto storiche del monumento. Eppure la rivista Nero su Bianco dell’Assessore De Chiara pubblica ogni settimana delle bellissime foto d’epoca del monumento e in nessuna di esse è possibile scorgere nè il villino, nè le aste sugli orologi. Con amara ironia tocca pensare che forse è l’adeguare il monumento ai tempi: in era di abusivismo e di devastazione del territorio è giusto che anche il monumento simbolo della città lo ricordi ai contemporanei ed ai posteri.

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione