Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 27.06.07 12:00.

L'articolo precedente è
TEVEROLA - Miss Teverola (c.s. Carolina Bilancio Media3).

Il prossimo articolo è
Enciclopedia di Aversa. 3. Edicole Enzo Di Grazia.

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« TEVEROLA - Miss Teverola (c.s. Carolina Bilancio Media3) | Pagina principale | Enciclopedia di Aversa. 3. Edicole Enzo Di Grazia »

Enciclopedia di Aversa. 4. Palazzi nobiliari Enzo Di Grazia

Nel corso della sua storia secolare, Aversa, nei periodi di maggiore splendore, ebbe – tra i suoi cittadini – famiglie illustri per nobiltà, le cui abitazioni recavano i segni dello splendore del tempo, e restano, oggi, a testimonianza del gusto del periodo in cui furono costruite, e della storia comunale della città. Tra gli edifici sopravvissuti, di maggiore interesse sono i seguenti:
>>>>>>>>>>

- via Roma, 72, palazzo Moccia, poi Russo; sotto la volta, lo stemma di Onofrio de Rossi, vescovo di Fondi; appoggiata ad esso era una delle porte di Aversa, detta porta Moccia, abbattuta nel 1840;
- via Sanfelice, 54, palazzo Fiorentino, nobile famiglia napoletana emigrata ad Aversa intorno al 1600;
- via S. Andrea, 23, palazzo Della Valle, duchi di Ventignano; ospitò l’infante Carlo III, e fu sede del Seminario Minore;
- via S. Andrea, 28; nel 1930, in occasione dei restauri per il terremoto, vennero alla luce archi trecenteschi;
- via Umberto I, 40, palazzo Motti, appartenuto a Riccardo Rebursa; fu dato, dopo il 1268, ad Ugo d’Ablens, amico di Carlo d’Angiò; qui esisteva, fino al 1885, il seggio di S. Antonio;
- via Seggio, 72, palazzo Ricciardi, ora Golia: una lapide, posta l’11 giugno del 1910, ricorda che ivi sostò Garibaldi il 1° ottobre 1860, alla vigilia della battaglia del Volturno;
- via Seggio, 66 e 92, palazzi Lucarelli, nobili del Seggio di S. Antonio;
- via Seggio, 112, palazzo della famiglia De Fulgore, nobili del Seggio, costruito nel 1550;
- via Seggio, 103, palazzo dei monaci di S. Martino, ora Lucani;
- piazza Marconi, 18, palazzo Pignatelli;
- via S. Gerolamo, 62, palazzo Pignatelli, nobili aversani;
- via Plebiscito, 62, palazzo Siniscalchi, famiglia del Seggio di S. Luigi;
- piazza Plebiscito, 38, palazzo Del Tufo, una delle famiglie più antiche di Aversa;
- via Plebiscito, 45, palazzo Masola, marchesi di Trentola, appartenenti al Seggio, poi palazzo Bonavita; vi è appoggiato il Seggio di S. Luigi;
- via Plebiscito, 50, palazzo Sanfelice, duca di Acquavella;
- via Plebiscito, 76, palazzo Altomare, famiglia mobilissima;
- via P. Rosano, palazzo D’Ausilio, nobili del Seggio; vi è appoggiata la porta S. Giovanni;
- via S. Biagio, 8, palazzo Forgiane, nobili del Seggio;
- via S. Biagio, 10 e 25, via Parente, 10, e vicolo S. Marta (collegati con un cavalcavia) della famiglia Cappella;
- via S. Biagio, 22, palazzo Del Tufo;
- via Drengot, 23, palazzo Cappabianca, nobili del Seggio;
- via Drengot, 36, palazzo Abenavolo, poi Pelliccia, poi Saporito;
- via Drengot, 33, palazzo De Bisogno, marchesi di Casaluce; ora delle Ancelle del Sacro Cuore (asilo Volpicelli);
- via Drengot, 41, palazzo Orineti, nobili del Seggio;
- via Parente, 2, palazzo Parente, casa natale di Gaetano Parente;
- via C. Golia, 56, palazzo Wirzier;
- via C. Golia, 42, palazzo Arcieri, poi Lombardi;
- via C. Golia, 45, palazzo Conti Gaudioso, del 1720;
- via C. Golia, palazzo Mauro di Pelvica, nobili del Seggio;
- via C. Golia, 4, palazzo della Trinità dei Pellegrini, ora casa canonica della parrocchia di S. Audeno;
- piazza S. Nicola, 56, oggi piazza Federico Santulli, palazzo Merenda, poi Gaudioso;
- via S. Marta, 60, palazzo D’Ausilio, poi Pozzi, del 400;
- via S. Marta, 7, palazzo D’Ausilio; portale del 300;
- via S. Marta, 57, palazzo Biancolella;
- via L. Abenavolo, 29 e 39, palazzo Marasca; marchesi di Cesa;
- via S. Maria della Neve, 34, palazzo Fulgore, marchesi di Ducenta e nobili del Seggio;
- via Vitt. Veneto, palazzo Lucarelli Pacifico;
- via Magenta, 17, palazzo Pignatelli;
- piazza Vittorio Emanuele, 53 e 54, palazzo Pelliccia, poi Candia e poi Moschetti; l’1-9-1852 ospitò Vittorio Emanuele III;
- piazza Svignano, 8, palazzo Scoppa, poi Motti;
- via Toti, 29, palazzo Capone, nobile del Seggio.

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione