Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 10.10.07 18:22.

L'articolo precedente è
NAPOLI - Anna Redi al Festival Teatro Italia, tra danza, archeologia e il Falstaff di Verdi di Silveria Conte.

Il prossimo articolo è
AVERSA - Il "caso" Pitocchi e le colpe dell'amministrazione Ciaramella di Anna Smeragliulo Perrotta .

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« NAPOLI - Anna Redi al Festival Teatro Italia, tra danza, archeologia e il Falstaff di Verdi di Silveria Conte | Pagina principale | AVERSA - Il "caso" Pitocchi e le colpe dell'amministrazione Ciaramella di Anna Smeragliulo Perrotta »

Prendiamo un po' d'aria... di Maria Luisa Coppola

rifiuti%202.jpgChe bella giornata, quest'autunno ci regala ancora temperature quasi estive ed un sole caldo che proprio è un peccato stare in casa! Allora, usciamo, facciamo una bella passeggiata, sgranchiamo un po' le gambe stanche di star ferme, andiamo a vedere qualche vetrina, non ci farà male un altro caffè al bar. Chiamo un'amica e strada facendo chiacchieriamo delle recenti vacanze, dei bei luoghi visitati, delle suggestive atmosfere delle città che, fortunate, hanno un bel lungomare dove passeggiare, con le panchine e le aiuole fiorite che sono un contesto giusto per fermarsi a leggere un giornale, guardando di tanto in tanto il mare.. La fitta conversazione procede simpaticamente, ma un velo di tristezza all'improvviso annebbia tutto...intorno a noi cosa c'è? Che guardiamo da giorni e giorni dai nostri balconi, lungo le vie, nelle piazze della nostra amata-odiata città?
>>>>>>>>>>

Cumuli di rifiuti, montagne di spazzatura maleodorante e selvaggiamente depositata, anche dai comuni limitrofi che dovrebbero fare la differenziata ma..."sa, fa tanto caldo, non si può tenere a casa l'umido ed allora la porto ad Aversa, tanto un pò più, un pò meno..", così si difende una "signora" supergriffata, sorpresa a scaricare sacchetti dal cofano della sua potente vettura sotto casa mia! Bel senso civico, grande rispetto dell'ambiente e cura del patrimonio comune.. Le nostre belle chiese offese dallo scempio, le piazze grandi discariche pubbliche, i balconi (e chi ci sta più?) non odorano dei fiori e delle piante cui tutti dedicano cura; dove parcheggio, lungo i marciapiedi olezzanti? I bambini escono da scuola, dove si è parlato di tutela dell'ambiente, di rispetto del verde, di legalità...che cosa vedono ora? Quel che gli adulti hanno regalato loro: mondezza, sciatteria, aiuole secche, resti di panchine spaccate, traffico caotico, maleducazione imperante, mancanza assoluta di regole, sulla moto senza casco, alla guida con il telefonino e senza la cintura. E se si torna a casa senza essere scippati, è già una fortuna! Ai potenti che se ne infischiano di assicurare un futuro perlomeno decente ai piccoli, i più esposti ai pericoli, alle malattie, quale pena comminare? Che se la vedano con la propria coscienza, anche loro hanno famiglia e non possono sentirsi esclusi da un tifo, da una salmonella che già ha attaccato i comuni mortali. Nessuna istituzione allerta, nessun cittadino protesta, le associazioni tacciono, tutti nel proprio guscio a mormorare, perchè rassegnati ed impotenti nel constatare l'indecenza e l'abbandono. Questo popolo ultra paziente avvilito e mortificato sopporta o, ancora, si accontenta del retaggio borbonico delle tre effe? Certo è squallido il panorama ed allora, a malincuore, si torna a casa... meglio l'aria del condizionatore!

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione