Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 21.11.07 10:42.

L'articolo precedente è
A proposito di immondizia... Raffaele Coppola .

Il prossimo articolo è
La recensione "Amarsi sempre! Sposarsi?" di Maria Pia Sabatini e Tiberio Timperi Giancarlo Fornari .

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« A proposito di immondizia... Raffaele Coppola | Pagina principale | La recensione "Amarsi sempre! Sposarsi?" di Maria Pia Sabatini e Tiberio Timperi Giancarlo Fornari »

Dedicato ai Bambini nel XVIII° Anniversario dell'approvazione della Convenzione ONU sui Diritti dell'Infanzia Carmen Garcia Fresca

unicef.jpgL'omaggio è di Carmen Garcia Fresca, poetessa spagnola. Si tratta della poesia "Ninos" di cui al volumetto "Huellas junto al mar [Orme accanto al mare]", Ediciones XandrIò.
NINOS
Yo quiero cantaros / Io voglio cantare a voi
a todos los ninos / a tutti i bambini
que de alguna forma llorais amarguras, / che in qualunque forma piangete lacrime di amarezza,
sois incomprendidos. / che siete incompresi.
* * *
>>>>>>>>>>

* * *
Ninos de los pueblos, ninos campesinos, / Bambini dei paesini, bambini agricoltori,
que con vuestros padres / che con i vostri genitori
vais en el verano / vi recate d'estate
a barrer las eras, / a pulire i campi,
a espigar los trigos / a tagliare il grano.
En los crudos dias de invierno y de frio / Nei crudi giorni d'inverno e di freddo
recopilais lena / radunate legna
que cargais a lomos de vuestros borricos / che caricate sopra i vostri muli
y vais a la escuela / e andate a scuola
recogiendo el barro, la lluvia y la nieve / prendendo fango, pioggia e neve
de tantos caminos. / a seguito di tanto camminare.
Cuanto habreis llorado, a traves del tiempo, / Quanto avrete pianto nel corso degli anni,
tristes y abatidos! / tristi e demoralizzati!

Ninos de ciudades que aun pequenitos, / Bambini delle città che sebbene piccolini,
sufris del progreso / pagate del progresso
el duro castigo. / il duro castigo.
En la amanecida, / All'alba,
os sacan del dulce calor de las sabanas / vi tirano fuori dal dolce calore delle coperte
y, medio dormidos, / e, anccora addormentati,
os llevan con prisa, / vi portano via con fretta,
para abandonaros en manos extranas. / per abbandonarvi in mani diverse da quelle cui siete abituati.
Sois ya como adultos, / Siete già adulti,
madrugais lo mismo / fate le stesse alzatacce dei grandi
y vais aprendiendo, sin hablar siquiera, / e giorno dopo giorno imparate, in silenzio,
lo que son envidias, lo que es egoismo, / cosa sono le invidie, cosa è l'egoismo,
porque en vuestro mundo / perchè in questa società
quien mas llora y grita / il più prepotente
siempre es atendido. / sempre riceve attenzione.

Otros, mas crecidos, / Altri bambini, più grandi,
trabajais, luchando por llevar a casa / voi lavorate, lottando per portare a casa
un jornal chiquito / una paga giornaliera minima
y os sentis felices porque aliviais penas. / e vi sentite felici per dare una mano ai familiari.
Y los ninos ricos? / E i bambini ricchi?
Estais solitarios entre el frio lujo / Vivete in solitudine nellla freddezza
de juguetes caros / di giocattoli cari
y hermanos vestidos / e vestiti sfavillanti,
porque vuestros padres tienen compromisos. / in quanto i vostri genitori sono pieni d'impegni.
Os dan, "generosos", / Vi assicurano, "generosi",
colegio y caprichos / scuola privata e capricci
y os dejan a cargo de gentes pagadas. / e vi affidano a gente pagata per occuparsi di voi.
Pensano que ha cumplido! / E di tal maniera pensano di avere adempiuto ai loro doveri!

Noo quiero olvidarme de aquellos chiquillos / Non voglio dimenticare quei bambinetti
que al pasar la guerra / che avete attraversato la guerra
veis, en vuestro entorno, la vida deshecha. / e vedete, intorno a voi, la vita distrutta.
Con ojos helados / Con occhi ghiaccati
contemplais inquietos / contemplate inquieti
herrores que ponen lagrimas brillantes / errori umani che fanno venire lacrime
en los rostros yertos. / nei volti induriti.
Qué haceis por las noches / Cosa fate durante le notti
mis pobres pequenos, / miei poveri piccolini
cuando entre las sombras / quandro tra le ombre
camina el silencio? / cammina solo il silenzio?
Lo sé, estais temblando mudos, ateridos, / Lo so, state tremando, terrorizzati,
y, en lugar de suenos con rubias princesas / e, invece di sognare bionde principesse
y recios castillos, / e inespugnabili castelli,
os veis rodeados / vi sentite circondati
de pena y miseria, de hambre y de frio. / da pena e miseria, da fame e freddo.

Tambien por vosotros elevo mi canto, / Anche per voi canto,
ninos impedidos. / bambini bloccati da malattie le più diverse.
Muchachos valientes / Ragazzi di valore
que llenais las salas de los hospitales / che riempite le stanze degli ospedali
con enfermidades crueles, tullidos, / con infermità gravi
y que teneis prontas heroicidades / e che comunque possedete l'eroicità
de sonrisas breves. / di un sorriso anche se breve.
Ahogais quejidos, soportais dolores, / Sopportate il dolore
tremendos martirios / tremendo martirio
y, a pesar de todo, / e, nonostante tutto,
abrazais, felices, un nuevo jugete. / tenete stretti, felici, un nuovo giocattolo.
Sois meravillosos! / Siete incredibilmente meravigliosi!
Mi canto es ahora mas tierno, mas vivo. / Il mio canto, adesso, è più dolce, più vivo.

Sé que no estais todos, / So che non vi ho menzionati tutti,
que alguno me olvido. / che di qualcuno mi sono dimenticata.
Pero los prquenos que entre en mi memoria / Però piccoli di cui io mi ricordo
camineis perdidos, / come in un cammino perduto
os llamo a mi lado, / vi chiamo accanto a me,
porque con mi canto a todos cobijo. / perchè con il mio canto tutti vi stringo forte.
No hay nada mas bello / Non c'è nulla di più bello
que ver la sonrisa radiante de un nino. / che vedere il sorriso raggiante di un bambino!

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione