Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 17.01.08 11:44.

L'articolo precedente è
ROMA - TRANSFERT Gallerie Polacche a Roma. Un Progetto di Ania Jagiello promosso dall'Istituto Polacco di Roma Alan Santarelli .

Il prossimo articolo è
I "perchè?" dell'immondizia Giuseppe Alessandro Ciambrone, presidente Club Unesco Castel Volturno .

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« ROMA - TRANSFERT Gallerie Polacche a Roma. Un Progetto di Ania Jagiello promosso dall'Istituto Polacco di Roma Alan Santarelli | Pagina principale | I "perchè?" dell'immondizia Giuseppe Alessandro Ciambrone, presidente Club Unesco Castel Volturno »

ROMA - 21 gennaio - 28 febbraio 2008, Istituto Polacco di Roma, "Bunker d'Arte. Collezione della Galleria d'Arte Contemporanea Bunkier Sztuki di Cracovia" Alan Santarelli

bunker%20d%27arte.bmpLunedì 21 gennaio 2008 alle ore 18.30, l'Istituto Polacco di Roma presenta a Palazzo Blumenstihl in via Vittoria Colonna 1 e nella sede distaccata di via dei Prefetti 46 la mostra BUNKER D'ARTE Collezione della Galleria d'Arte Contemporanea Bunkier Sztuki di Cracovia, a cura di Beata Nowacka-Kardzis e Ania Jagiello.

>>>>>>>>>> continua >>>

La mostra è primo appuntamento del progetto TRANSFERT Gallerie Polacche a Roma. A partire dagli anni Novanta la Galleria Bunker d’Arte di Cracovia è uno dei centri più influenti sulla scena artistica polacca. Un forum per i nuovi media che si distingue per un programma espositivo impegnativo e coraggioso. La sua collezione è la cronaca delle questioni fondamentali relative all’arte polacca degli ultimi anni e raccoglie il lavoro di molti protagonisti di questo sviluppo.
L’esposizione italiana è la prima presentazione della Collezione del Bunker d’Arte al di fuori dei confini nazionali e si concentra sul lavoro di sedici artisti. Tra i più anziani Józef Robakowski, pioniere della videoarte in Polonia, Krzysztof Wodiczko, noto per le sue proiezioni pubbliche realizzate in tutto il mondo, e Marek Sobczyk, tra i fondatori del Gruppa, i “nuovi selvaggi” della pittura polacca. La generazione di mezzo è rappresentata da artisti quali Łukasz Skąpski, il cui lavoro unisce concettualismo ed estetica minimalista, Marta Deskur e Katarzyna Górna, praticano entrambe la fotografia e il video, Jadwiga Sawicka, autore di quadri parsimoniosi, freddi e intellettuali, Piotr Lutyński, pittore incredibilmente impulsivo, sensitivo e sensuale e Wael Shawky, creatore di installazioni e film. La scena artistica recente ha posto alla ribalta personalità quali Oskar Dawicki, performer, autore di film e installazioni, Wilhelm Sasnal, Rafał Bujnowski e Marcin Maciejowski, impegnati principalmente in ambito pittorico: un tempo lavoravano insieme nel Grupa Ładnie, ora, singolarmente, ottengono riconoscimenti e lodi internazionali. Tra le giovani “scoperte” della scena cracoviana, accompagnate e sostenute fin dagli esordi dal Bunker d’Arte, Janek Simon, Karolina Kowalska e Małgorzata Markiewicz.

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione