Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 07.02.08 21:39.

L'articolo precedente è
Rifiuti in Germania? O la tecnologia tedesca in Campania? Gennaro Mariniello .

Il prossimo articolo è
AVERSA - Pallavolo, Campionato B1 Femm., Girone D / Domenica Centro Santulli - Modica Nino Gravino .

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« Rifiuti in Germania? O la tecnologia tedesca in Campania? Gennaro Mariniello | Pagina principale | AVERSA - Pallavolo, Campionato B1 Femm., Girone D / Domenica Centro Santulli - Modica Nino Gravino »

AVERSA - 10 Febbraio: ad Aversa inziative per ricordare le vittime delle Foibe Gianmario Mariniello

Fiume.jpgCon la legge 30 marzo 2004, n. 92 è stato istituito il «Giorno del ricordo»... /_ foto da www.holidaycheck.it _/

>>>>>>>>>>

in memoria delle vittime delle foibe, dell'esodo giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale.

La Repubblica italiana riconosce il 10 febbraio quale «Giorno del ricordo» al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale.

Il silenzio sulla tragedia delle Foibe, le cavità carsiche, nelle quali migliaia di civili furono sotterrati vivi dai partigiani del Maresciallo Tito per il solo fatto di essere italiani, il silenzio sull'esodo dei nostri connazionali di Istria, Fiume e Dalmazia, costretti a fuggire dalla ferocia e dalla pulizia etnica, sono pagine tristi della nostra storia mai scritte, mai completamente metabolizzate da una Nazione che ha preferito dimenticare.

Domenica 10 febbraio, dalle ore 10 presso il Palazzetto dello Sport, in via Salvo D'Acquisto ad Aversa, si terrà una mostra fotografica sulle foibe, organizzata dalla locale sezione del Comitato 10 Febbraio, con il Patrocinio della Consulta provinciale degli Studenti ed in collaborazione con il Comune di Aversa.

Seguirà dibattito introdotto da Giuseppe Lucariello, Presidente della Consulta provinciale degli Studenti di Caserta, ove interverranno il Consigliere comunale di Aversa, Gianmario Mariniello, il consigliere comunale Domenico Rosato, il Prof. Claudio Del Villano, docente di Filosofia presso il Liceo Classico "D. Cirillo" di Aversa ed il Vice Sindaco del Comune di Aversa, Dr. Lucio Farinaro.
L'evento sarà moderato da Rolando Di Martino, del Comitato 10 Febbraio.

"Da anni lavoro affinché il triste ricordo delle Foibe entri nella realtà aversana", afferma Rolando di Martino, organizzatore della mostra che si terrà il 10 Febbraio al palazzetto dello sport.
"Negli anni passati ho portato la mostra in giro nei vari licei cittadini, tra l'interesse degli studenti che avevano voglia di saperne di più su questa pagina poco conosciuta della nostra storia e tra il fastidio di quesi pochi docenti ancora cocciutamnente negazionisti. Non è una scelta politica o meno ricordare le vittime delle foibe, ma è un dovere civile. Dove purtroppo regna il silenzio dei morti, non deve mai più esserci quello più doloroso dei vivi.

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione