Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 19.02.08 17:55.

L'articolo precedente è
Scelte di schieramento politico, Chiesa "divisa" Giancarlo Fornari .

Il prossimo articolo è
Studiare il passato per prevedere il futuro Ugo Persice Pisanti .

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« Scelte di schieramento politico, Chiesa "divisa" Giancarlo Fornari | Pagina principale | Studiare il passato per prevedere il futuro Ugo Persice Pisanti »

Un Patto per l'Ambiente. Lettera aperta al futuro Premier Ufficio Stampa Fare Ambiente

Fare%2520Ambiente-thumb.bmpDa tempo le problematiche ambientali sono al centro delle politiche internazionali, comunitarie e nazionali, perché la pace, lo sviluppo, la protezione dell’ambiente e la qualità della vita sono interdipendenti e indivisibili.

>>>>>>>>>>>>>>>>

Uno sviluppo può dirsi sostenibile quando riguarda non solo gli aspetti ambientali dal punto di vista ecologico, ma anche quelli sociali ed etici.

Lo sviluppo sostenibile è un processo di evoluzione che coinvolge non solo l’uso razionale delle risorse naturali, le scelte economiche, l’orientamento dei progressi tecnologici ma anche i mutamenti istituzionali e sociali.

Una società è sostenibile quando i bisogni primari di tutti sono soddisfatti, perché povertà e ineguaglianze rappresentano causa di ogni crisi sociale ed ambientale.

Il riconoscimento delle culture altrui costituisce un contributo fondamentale allo sviluppo equilibrato e pacifico delle generazioni presenti e future. La sostenibilità come solidarietà e tolleranza diminuisce l’aggressività umana e delle Nazioni ed è la premessa della coesistenza pacifica delle genti.

La sostenibilità, quindi, deve diventare cultura diffusa e stile di vita dei popoli, al pari di altri principi come democrazia e libertà.

Occorre l’impegno di tutti per contribuire alla diffusione della cultura della sostenibilità e porre in essere adeguate azioni tese alla creazione di una coscienza individuale e collettiva informata alla sostenibilità come modus vivendi senza estremismi o fondamentalismi.

NOI DI FAREAMBIENTE – Movimento Ecologista Europeo

CHIEDIAMO

AL FUTURO PREMIER UN PATTO PER L’AMBIENTE

- Considerare la tutela dell’ambiente una priorità e fare dell’Italia un Paese modello di sviluppo sostenibile;
- Considerare la lotta contro il cambiamento del clima e la qualità dell’aria una priorità dell’azione politica;
- Considerare la tutela della biodiversità naturale e culturale un momento qualificante dell’azione politica;
- Considerare il principio di sussidiarietà come assunzione di responsabilità ambientale al fine di una maggiore democrazia e libertà del cittadino;
- Considerare la tutela e la valorizzazione dell’ambiente – inteso questo nella sua più ampia accezione e perciò comprensivo di beni e valori afferenti all’ecosistema, al Patrimonio culturale e del paesaggio- un obbligo individuale e sociale di valenza universale;
- Considerare l’uso razionale dell’acqua, la gestione del territorio, la tutela del mare, il trasporto e l’agricoltura aspetti fondamentali dello sviluppo sostenibile;
- Considerare la riqualificazione delle periferie urbane come priorità per la qualità della vita;
- Considerare prioritario nell’azione politica la risoluzione del problema del ciclo integrato dei rifiuti con una politica di riduzione alla fonte e impianti di innovazione tecnologica;
- Considerare una politica di sostegno delle grandi opere compatibilmente con le valutazioni ambientali;
- Considerare la ricerca energetica un pilastro fondamentale per uno sviluppo sostenibile determinante per un valido Piano energetico nazionale che non escluda l’energia nucleare, il risparmio energetico e tutte le fonti energetiche eco-compatibili;
- Considerare l’equità ponderata come strumento necessario per l’accesso alle risorse naturali e per contribuire ad arginare le disuguaglianze in Italia e nel mondo al fine di tutela i diritti infragenerazionali e intergenerazionali;
- Considerare la democrazia e la libertà di mercato come valori fondanti dello sviluppo sostenibile.

NOI VOGLIAMO LA POLITICA DEL FAREAMBIENTE CONSIDERANDO CHE LO SVILUPPO ECONOMICO E SOCIALE DEVE NECESSARIAMENTE CONIUGARSI CON LA TUTELA DELL ’AMBIENTE SENZA ISTERISMI E CATASTROFISMI CON IL REALISMO DEL FARE E L’OTTIMISMO DELLA RAGIONE.

Chiediamo al futuro premier di sottoscrivere questo patto nel programma di governo

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione