Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 07.10.08 06:53.

L'articolo precedente è
AVERSA / Dal 29 settembre 2008 tre mesi per completare i lavori del piazzale antistante la stazione da c.s. di Francesca Pagano, staff sindaco Ciaramella .

Il prossimo articolo è
NAPOLI / Instituto Cervantes, presentazione de: "Dizionario delle Arti".

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« AVERSA / Dal 29 settembre 2008 tre mesi per completare i lavori del piazzale antistante la stazione da c.s. di Francesca Pagano, staff sindaco Ciaramella | Pagina principale | NAPOLI / Instituto Cervantes, presentazione de: "Dizionario delle Arti" »

Una poltrona a me, due a te; no, due a me ed una a te; no, tre a me e una a te... Antonio Santi

monnezza 2 con bambini.jpg

I partiti ed i politici che i partiti esprimono hanno raggiunto, nella città di Aversa, la punta massima di incapacità a fare e di menefreghismo verso la collettività che dovrebbero governare.

>>> 

E' incredibile il livello di mediocrità (o, forse, di indecenza?) in cui i partiti ed i politici che i partiti esprimono ci hanno fatto scendere, giorno dopo giorno. Ad Aversa una coalizione - quella di destra - ha vinto le elezioni con larghissima maggioranza e, quindi, al primo colpo. I partiti e i politici vincitori hanno fatto il governo. I partiti ed i politici vincitori e di governo dopo un po' di tempo, però, si sono "bloccati". Vano è stato ogni tentativo di "sbloccare" il blocco che aveva bloccato i partiti ed i politici vincitori e di governo. E così i partiti ed i politici vincitori e di governo, irrimediabilmente bloccati, si sono salvati con una fantasiosa invenzione: cedere le poltrone del governo a tecnici, a non politici,con il proposito di riprendersi le poltrone non appena il blocco che aveva bloccato il governo si sarebbe sbloccato. Sono passati mesi e, incredibile a dirsi, il blocco ancora persiste e non si sblocca, sicchè i partiti ed i politici vincitori e di governo continuano ad essere bloccati. Nel frattempo i partiti ed i politici vincitori e di governo non hanno fatto altro che scalpitare ed hanno messo il broncio ai tecnici, anzi li hanno crocifissi dopo una lunga via crucis di critiche e polemiche. Poveri tecnici! Tali tecnici, difatti, venuti, gentilmente, in soccorso dei partiti e dei politici bloccati, si sono, poi, visti "picchiare" selvaggiamente dagli stessi, rabbiosi, furenti per il blocco provocato, ma non sbloccabile nonostante "interpartitici" su "interpartitici". Ma perché i partiti ed i politici vincitori e di governo si sono bloccati? A cagione di diversità di Progetti di Città? Macchè, per un problema ben più serio, ben più importante, ben più "elevato", per il problema, cioè, di quante poltrone spettano a me e quante poltrone spettano a te. Conclusione? Poveri cittadini! Hanno votato partiti e politici che pensano solo alle poltrone. Che non governano. Che chiamano in aiuto altri - non politici - quando fa comodo. Che sono, però, pronti a buttare a mare quei non politici che li hanno salvati non appena raggiunto l'accordo sulle poltrone spettanti a ciascuno. Che non hanno Progetti di Città. Che non sanno nemmeno cos'è la progettazione. Che sanno solo contare...le poltrone proprie e quelle degli altri. E nel frattempo? Nel frattempo andiamo avanti. Qualcuno protesta. I più sopportano. Vinti dalla rassegnazione. Dalla necessità di guadagnare il pane quotidiano. Dall'abitudine a tutte le peggiori cose possibili, cominciando dalla mondezza. E coasì sia. Ammenne.

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione