Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 23.02.09 12:44.

L'articolo precedente è
ORTA DI ATELLA / Pasquale Dell'Aversana, artista Elpidio Iorio.

Il prossimo articolo è
PORDENONE / Mostra di Ines Gonzalez sino al 5 marzo 2009 a cura di Enzo Di Grazia.

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« ORTA DI ATELLA / Pasquale Dell'Aversana, artista Elpidio Iorio | Pagina principale | PORDENONE / Mostra di Ines Gonzalez sino al 5 marzo 2009 a cura di Enzo Di Grazia »

CORDOVADO / Mostra di Guido Coletti sino al 1 marzo 2009 a cura di Enzo Di Grazia

LA ROGGIA logo.jpg GUIDO COLETTI, "POLVERE DA SPARO", CORDOVADO (PN) PALAZZO CECCHINI    dall' 8 febbraio al 1 marzo 2009 - Orari di apertura: dal martedì al venerdì: 15 - 18,30; sabato: 10 - 12, 15 - 17,30; domenica: 15 - 18. Non ho competenze artistiche tali da giudicarne un lavoro. So per certo che nella creazione artistica e nella sua fruizione, il problema dei linguaggi e quello della critica hanno acquisito un potente valore che travalica il fatto artistico. >>>

     La mia idea è quella immediata e brutale e dunque decisiva che viene silenziosamente in noi quando ci si pone davanti all'opera: ti piace o non ti piace? Questi lavori di Coletti a me piacciono e interessano.

 

     Forse ho una visione strampalata e laterale per parlarne, ma ho sicuramente una qualche familiarità con i materiali che Coletti usa nei suoi ultimi lavori, per averli riscontrati sia nell'azione che nel risultato come inviato di guerra.

 

    All'opera non l'ho mai visto (lavoro segreto ...) perciò mi limito ad immaginarlo come un alchimista medievale o un rivoluzionario dostojeskiano intento a maneggiare con cura e prudenza oscuri materiali ... ho visto le sue opere, le ho odorate e mi ci sono anche sporcato i polpastrelli: polvere da sparo ... qualcosa che lascia il segno.

 

     Ma che polvere usa? non so se usa polvere nera (cioè quella che funge da propellente per le armi da fuoco) o composti più complessi come le polveri infumi. Mi basta sapere che usa un materiale "negativo" per accendere stupore e interrogazione. È infatti inevitabile correre con l'immaginazione al male e al danno che può fare quella materia destinandola ad altri scopi. Sì... esiste l'esplosivo da cava, ed esistono, più che armi "buone", armi che vengono usate per difendere, proteggere, dare sicurezza ... ma la "bontà" del loro uso risiede, in genere, proprio nel fatto che vengono esibite come deterrente; dunque meglio se non vengono utilizzate. Resta comunque il fatto che la polvere da sparo è fatta per offendere, per fare male, anche quando è indirizzata alla tutela.

 

     Ed ecco che con Coletti ad esplodere sono i colori, le forme, e ad essere colpiti (senza alcuna ferita) sono lo sguardo e l'immaginazione: un rovesciamento totale della materia e degli scopi. Così "l'alchimista Coletti" ci propone un altro linguaggio, un gioco finito, dato che il gioco "infinito" è sempre sotto i nostri occhi in ogni dove. La leggenda (nonostante le fondate rivendicazioni dei cinesi, dove l'assegnarsi l'invenzione della polvere da sparo) vuole che la scoperta sia avvenuta casualmente mentre improvvidi alchimisti cercavano l'elisir dell'immortalità. Non cadremo nella banalità di dire che stavolta questa polvere, usata nell'arte, ripercorre quella ricerca: nemmeno l'arte è immortale.

 

     Osserviamo però che Coletti, con assoluta chiarezza, fa diventare "altro" sia la differenza sia la capacità di mettere in gioco il "sé", rispetto ad un processo nel quale il "sé" non esiste ... invece esiste scivolamento, indifferenza e omologazione. Oltre al concetto c'è il risultato estetico e che avvenga piuttosto bene aiuta i fruitori. Il risultato sorprendente ricorda che quel nitrato di potassio, quella carbonella, quello zolfo, vengono impiegati anche nei fuochi d'artificio ... ci aggiungo magnesio e alluminio ed aumento la luminosità ... il nitrato barico da un colore verde acceso ... i sali di calcio aggiungono arancione, quelli di rame verde-azzurro ... il sodio fa il giallo-oro, il potassio fa il violetto ...

 

     Noi guardiamo il cielo colorarsi, in certe notti di festa, ma a me inevitabilmente ricordano altre notti, a Sarajevo, a Belgrado, a Baghdad ... dove la potente macchina della deterritorializzazione era attiva e l'uomo non aveva sorrisi ma lacrime. Il dramma della perdita, le stragi, io corpi dilaniati e martoriati ...

 

     Davanti ai quadri di Coletti possiamo stare sereni, le ferite fatte sono solo sulla tela pittorica. Coletti poeta errante è alla ricerca di anime altre che comprendano e facciano proprie il suo segnale, poiché stavolta il fine è una innocua meraviglia che ha il vantaggio di non dover stare con la testa all'insù per vedere ... Davanti ai suoi lavori puoi guardare con serenità esattamente all'opposto del reale, la fantasia fa capire e quello che viene fatto acquista linfa.

 

Anche qui un grande maestro, Kafka, il cui mondo, altrimenti inesplorato, è il nostro mondo.

 

TONI CAPUOZZO (estratto dal catalogo "GUIDO COLETTI - opere dal 2000 al 2008" edizioni Andrea Moro - Tolmezzo 2008. TONI CAPUOZZO. Vicedirettore del TG5, cura e conduce il settimanale "TERRA". Ha scritto: "IL GIORNO DOPO LA GUERRA, Feltrinelli 96". "ADIOS Mondadori 06" "OCCHIAIE DI RIGUARDO Piemme 07". Vincitore di numerosi premi di prestigio internazionale.)

 

Mi sono sempre dichiarato indipendente perciò non tengo la contabilità della mia attività GUIDO COLETTI

 

EXIBITIONS

Bangkog 1985-2005 • Bergamo 2000 • Bologna 2000-2005 • Caracas 1978-1990 • Castellanza 1979 • Cordovado 2009 • Gorizia 1979-1981 • Grado 1976-1977-1978-2008 • Koblenz 2003 • Latisana 1980 • Ugnano 1970-1972-1974-1975-1976-1977-1978-1979 • I Londra 1998-2003 • Nancy 1976 • New York 1982-1990-1991-2005 • Nola 1975-1977 • Miami 2004-2005 • Milano 1977-1979-1980-2002 • Parigi 1977-1979-1980-1999 • Pompei 1976 • Pordenone 1975-1977 • Pugnochiuso 1981-1982 • Singapore 1986-87-88 • Strasburgo 1976 • Tokyo 1985-2002 • Toronto 1980-1987 •Trieste 1975 • Udine 1975-1978-1980-1991-2008

 

SCRITTI DI

C. Baller • R. Bastos • C. Bauer • L.S. Benzeddin • A. Berthommè • M. Blasoni • G. Brussig • T. Capuozzo •L. Carluccio • R. Chioni • M. Cusino • Dal Bon •L. Damiani • R. De Grada • C. Feresin • A. Fermigier G. Finzi • M. Gaillard • Gaspardo • G. Gassiot Talabot •Gentilini • J. Ginpel • R.H. Heller • Y. Kohoge •Y. Jouffroy • G. Legrand • R. Lucchese • R. Mandrini •K. McShine • N. Myers • F Monai • Montenero •C. Otto Bruc • E. Pietraforte • V. Querel • A. Reini •P. Rizzi • E. Santese • W.L.F Schònenberger •C. Tzitzelkova • I. Valente • M. Valsecchi • M. Varali •K. Yeshihisa

 

 

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione