Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Ricerca un articolo


 

« NAPOLI / FareAmbiente, Romano: "A Napoli speso male il denaro dei cittadini per la gestione del manto stradale e delle fogne" c.s. di Azzurra Attanasio | Pagina principale | AVERSA / Il comune informa. Dichiarazioni di Michele Galluccio, consigliere comunale di AN c.s. di Francesca Pagano, staff sindaco Mimmo Ciaramella »

MILANO / Sacchetti biodegradabili nella provincia di Milano c.s. di Ufficio Stampa Fare Ambiente - Movimento Ecologista Europeo

Fare Ambiente eco.jpg

"Oltre 2.500.000 nuovi shoppers biodegradabili approdano, da febbraio ad aprile 2009, in numerosi supermercati della provincia di Milano. Un primo passo di  collaborazione tra la Provincia di Milano e la Grande Distribuzione.

>>> 

Dopo San Francisco, Los Angeles ha annunciato che a partire dal primo luglio del 2010 saranno bandite tutte le buste di plastica dei negozi al dettaglio della citta'.

 

La misura sara' applicata in rispetto delle nuove politiche anti-inquinamento seguite dalla città statunitense.

 

Molti altri Paesi hanno già adottato misure analoghe, oltre al comune di New York, anche Parigi ha già vietato le buste di plastica dall'inizio del 2007, a Londra sta arrivando in
questi giorni il provvedimento di divieto di utilizzo degli shoppers non biodegradabili, ma ancora l'Irlanda, la Danimarca, la Germania e la Cina dove è  stata applicata una mini-tassa al loro utilizzo.

 

Ora, sarebbe opportuno che tale sensibilità ambientale avesse un'accelerazione e diffusione anche nel nostro Paese che sembra ancora una volta in ritardo rispetto al raggiungimento degli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto, al fine di non attendere la normativa comunitaria (la EN13432) che sarebbe in vigore in Italia non prima del 1 gennaio del 2010".

 

"In Italia - dichiara Piergiorgio Benvenuti, Presidente del Coordinamento Roma Capitale e Provincia del Movimento Ecologista Europeo, Fare Ambiente - si  producono 300 mila tonnellate di buste di plastica all'anno, l'equivalente di  430 mila tonnellate di petrolio e di circa 200 mila tonnellate di co2 emesse in  atmosfera.

 

Nel nostro Paese due milioni di tonnellate di plastica finiscono ogni anno tra i rifiuti e sono consumati non meno di 4 miliardi di sacchetti.

 

Uno spreco di risorse non rinnovabili, per produrre un oggetto che ha un tempo di vita brevissimo, ma che determina un inquinamento ingente". "Una maggiore sensibilità a tal riguardo sarebbe interessante farla iniziare proprio dalla Capitale e dall'intero territorio della Regione Lazio".

 

"E' quanto sollecita FARE AMBIENTE - prosegue Benvenuti -  che a tal riguardo invita l'amministrazione di Roma, della Regione e della Provincia,  a valutare l'opportunità, in attesa del 2010, di aprire un tavolo di confronto invitando  gli operatori commerciali presenti sul territorio a sostenere soluzioni alternative all'utilizzo degli "shoppers" di plastica, soprattutto per le grandi reti commerciali, magari proponendo degli incentivi, ed accompagnando tali iniziative con campagne di sensibilizzazione fra i cittadini". "Vorremmo che al più presto - prosegue Benvenuti - gli utenti non utilizzassero piu' sacchetti di plastica nei supermercati, alimentari e negozi al dettaglio,  sostituendoli con buste portate da casa o sacchetti in carta o altri materiali
biodegradabili forniti dagli esercenti
".

 

""L'Obiettivo finale - conclude Benvenuti - è quello di  impedire nel più breve
tempo possibile che miliardi di sacchetti di plastica, quindi inquinanti,
possano essere diffusi nell'ambiente quando invece potrebbero essere facilmente
sostituiti anche prima del 2010
".

 

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione