Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo


Ricerca un articolo


 

« Festival Cimarosa 2009 - Grazie Facebook!!! Maria Luisa Coppola | Pagina principale | Festival Cimarosa 2009 - Vecchie agende. Giulia Parente, Assessore Grandi Eventi del Comune di Napoli, presenta il cd "Le Sonate per pianoforte" di Domenico Cimarosa eseguite da Yago Mahugo Carles* »

Festival Cimarosa 2009 - Cimarosa ed il fortepiano* Yago Mahugo Carles (traduzione di Aurora Rodriguez Villa)

yago.jpg

La fama dell'illustre aversano fu legata all'Opera italiana. La sua grande ed amplia conoscenza della voce lo aiutò a comporre ben 60 Opere, la maggioranza delle quali comiche, che furono interpretate in tutto il mondo. Delacroix preferiva Cimarosa a Mozart; Stendhal affermò che avrebbe preferito essere inforcato anziché dover scegliere il migliore dei due; Goethe diresse varie interpretazioni de Il matrimonio segreto e creò un'Opera con frammenti di musica di Cimarosa e di Mozart. Cimarosa scrisse anche Opere per strumenti. >>>

 

E difatti: 2 sinfonie, sestetti e quartetti, ma, soprattutto, le importantissime Sonate - più di 80 - per fortepiano. Nelle ora menzionate Sonate si apprezza anche la influenza dell'Opera: alcuni tempi lenti assomigliano molto ad arie o recitativi. Alcune sono scritte nello stile di Scarlatti (le prime) e altre nello stile viennese (le ultime). E' importante evidenziare che lo strumento per il quale l'aversano in discorso compose le (circa) 80 Sonate di cui sopra (stesso discorso vale per Haydin o Mozart) non è il pianoforte, ma un suo antenato e, precisamente, il fortepiano.  Due parole si rendono necessarie in merito a questo strumento. Trattasi - per l'esattezza - di uno strumento più piccolo del pianoforte, più leggero, con un tono più chiaro, più sensibile al tatto ed ai cambi dinamici. In effetti il pianoforte attuale non è che un'evoluzione dello strumento con cui Cimarosa componeva ed interpretava le sue famose Sonate. E' con l'antico fortepiano che si può apprezzare tutta la bellezza delle Sonate di Cimarosa, in maggior parte bipartite e formanti unità di 2 o 3 movimenti sebbene, poi, pubblicate come Sonate individuali. Possiamo affermare con tutta ragionevolezza, in conclusione, che Cimarosa sarebbe stato un gran compositore anche per pianoforte. E che egli portò allo zenit, nell'ambito dell'Italia del secolo XVIII, la Opera. Del resto non si dimentichi che bisognò attendere 15 anni dopo la sua morte perché un compositore di Opera - parliamo di Rossini - ottenesse lo stesso successo di Cimarosa. E' questo, per concludere, un personaggio che, però, il tempo ha, con superficialità, lasciato parzialmente cadere nel dimenticatoio. Sarebbe doveroso rispolverarlo, riscoprirlo, rivalorizzarlo. Ciò vale soprattutto per la città di Aversa che ha avuto il privilegio e l'onore (e, quindi, deve assumerne anche gli oneri) di dargli i natali.

 

* L'articolo era stato pubblicato su il nuovo L'Eco di Aversa

 

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione