Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 17.05.12 18:07.

L'articolo precedente è
Antiriciclaggio Gianfranco de Gasperis*.

Il prossimo articolo è
Piccolo Aggiornamento sulle novità inerenti l'IMU e i dichiarativi Enrico Masucci.

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« Antiriciclaggio Gianfranco de Gasperis* | Pagina principale | Piccolo Aggiornamento sulle novità inerenti l'IMU e i dichiarativi Enrico Masucci »

Agevolazioni per ristrutturazioni edilizie e detrazioni IRPEF 36%: elementi soggettivi ed oggettivi Arturo Palomba*

L'art. 4 del D.L. n. 201 del 06/12/2011, meglio noto come Decreto "Salva Italia"  ha inserito l'art. 16-bis all'interno del D.P.R. 22/12/86 n. 917. Tale innovazione rende permanente la detrazione dall'Irpef del 36% delle spese sostenute e debitamente documentate per interventi di ristrutturazione del patrimonio edilizio. >>>>

Le spese per interventi di recupero non possono superare i 48.000 € per unità immobiliare. I costi dovranno essere sostenuti dai soggetti che possiedono l'immobile oggetto di ristrutturazione o che detengono un titolo idoneo a richiedere l'intervento.

Il valore della detrazione si calcola applicando il 36% alla somma dei costi sostenuti per la ristrutturazione. I benefici della detrazione andranno ripartiti in dieci quote costanti.

L'art. 16-bis del D.P.R. 22/12/86 n. 917 ha previsto "a regime" le ristrutturazioni edilizie a decorrere dall'1/1/2012.

La detrazione spetta a tutti i soggetti passivi ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche che:

1.       Risiedono o non risiedono nel territorio dello Stato;

2.      Possiedono l'immobile oggetto di recupero edilizio o detengono un titolo idoneo sull'immobile oggetto di ristrutturazione

Potranno usufruire dell'agevolazione se dimostrino di aver sostenuto le spese per il recupero dell'immobile:

·         il proprietario o il nudo proprietario dell'immobile o chi detiene un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);

·         il locatario;

·         il comodatario;

·         i soci assegnatari di cooperative edilizie (deve esistere un verbale di assegnazione e tale verbale deve essere stato registrato);

·         i soci di società semplici, di società in nome collettivo, di società in accomandita semplice e i soci di imprese familiari;

·         gli imprenditori se l'immobile oggetto di ristrutturazione non è strumentale all'attività svolta o non è immobile merce.

Se il proprietario dell'immobile ha un convivente e questi paga le fatture a chi effettua l'intervento di recupero, allora nonostante i titoli autorizzativi siano intestati al proprietario, il convivente potrà sfruttare i benefici della detrazione. Anche il promissario acquirente, se sostiene a proprio carico i costi per la ristrutturazione, avrà diritto a beneficiare della detrazione.

Danno diritto alla detrazione le spese sostenute per:

1.       manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro, risanamento e ristrutturazione di parti comuni di edifici residenziali;

2.      manutenzione straordinaria, restauro, risanamento e ristrutturazione su singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria, anche rurali;

3.      ricostruzione/ripristino di immobili danneggiati da eventi calamitosi;

4.      eliminazione di barriere architettoniche mediante realizzazione di ascensori, montacarichi o mezzi tecnologici per favorire la mobilità dei potatori di handicap;

5.      adozione di misure finalizzate a prevedere il rischio di comportamenti illeciti da parte di altri;

6.      cablatura di edifici per ridurre inquinamento acustico;

7.      opere finalizzate ad ottenere risparmi energetici o volte alla diffusione di fonti rinnovabili di energia;

8.     misure antisismiche;

9.      bonifica di amianto;

10.  opere volte ad evitare infortuni domestici.

È possibile beneficiare della detrazione a partire dalla dichiarazione dei redditi dell'anno nel quale le spese sono state sostenute, rispettando le regole di seguito indicate: conservazione dei documenti probatori delle spese sostenute - fatture o ricevute e bonifici effettuati- e abilitazioni amministrative insieme con la domanda di accatastamento dell'immobile e i pagamenti effettuati dell'Ici (Imu). La documentazione indicata va conservata dal soggetto che vuole usufruire dell'agevolazione e che deve indicare nella dichiarazione dei redditi i dati catastali dell'immobile oggetto di recupero edilizio o gli estremi di registrazione dell'atto se titolare di altri diritti.

Nel bonifico bancario/postale/on line fatto per pagare le fatture (unico modo per sfruttare l'agevolazione) bisognerà indicare:

·         causale del versamento;

·         codice fiscale del beneficiario della detrazione;

·         partita Iva o codice fiscale del beneficiario del pagamento.

Banche e poste operano a partire da 2012 una ritenuta sul pagamento ai beneficiari del 4%.

Si spera che con il consolidamento di questa agevolazione si possa determinare un aumento di quei piccoli lavoretti che determinano "un' uscita di sicurezza" , per il settore edilizio, dalla fase di stagnazione economica in cui ci troviamo.

* Commercialista

Dottore di Ricerca in Scienze Economiche e Tributarie Facoltà di Economia II Università degli Studi di Napoli

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione