Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 17.05.12 19:44.

L'articolo precedente è
Il vento dell'antipolitica non soffia ad Aversa Enrico Lampitella.

Il prossimo articolo è
L'UNICEF presenta "Una Città a misura di Bambino" Maria Luisa Coppola.

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« Il vento dell'antipolitica non soffia ad Aversa Enrico Lampitella | Pagina principale | L'UNICEF presenta "Una Città a misura di Bambino" Maria Luisa Coppola »

Vent'anni dopo Pasquale Sarnelli e Salvatore Candalino

Caserta.jpg

"Vent'anni dopo" i valorosi moschettieri di Dumas seppero intraprendere una nuova loro gloriosa avventura. "Vent'anni dopo" i nostri moschettieri di Caserta (amministratori) ignorano, scientemente, un'altra loro ingloriosa avventura: quella riferita alle problematiche universitarie del nostro ateneo casertano. >>>>

Compie vent'anni, infatti, il prossimo 27 Aprile 2012, il DPR  istitutivo dei corsi accademici nelle sedi universitarie del casertano mentre  restano insoluti i principali  problemi ad esso collegati  -  Nome dell'ateneo, sede Rettorato, Policlinico.

 

Per il primo - quello del nome - va sottolineato come tutte le seconde università italiane nate - forzatamente - come secondi atenei, abbiano preso, dopo poco tempo, il nome collegato al territorio nel quale sono insediati: Roma, Milano, Viterbo, etc.

Solo Caserta - tra il silenzio imbarazzante della classe politica ed  amministrativa  locale - abdica davanti a questo sacrosanto suo riconoscimento,  ineludibile per appartenenza, identità e territorialità.

 

Ancora oggi le nostre strade provinciali sono invase  da cartelli  indicanti l'acronimo SUN (Seconda Universita degli studi di Napoli), perenne mortificazione ed offesa per quanti, e furono tanti, la vollero nel nostro territorio quale momento di riscatto e di rilancio economico, culturale, sociale e civile delle nostre terre, obiettivi che  restano, invece, al palo. 

 

Di contro, poche e spesso isolate, in questi vent'anni, e quasi con rassegnazione, sono state le indignazioni per tali negazioni che non trovano riscontro in nessuna parte del nostro Paese, laddove, come da noi,  si continua a  registrare  che un'istituzione formativa porti il nome di un altro territorio: quello napoletano. Sappiamo di vivere e sulla nostra pelle, tante altre gravi emergenze. Prima fra tutte quella dei  nostri giovani privati del lavoro e per questo costretti a migrare al nord se non fuori del Paese. Da noi tanti sono quelli che sono costretti a recidere le loro radici.  

 

A questa emergenza sono connesse tante altre ben note: dissesto finanziario, disastri ambientali, cave, rifiuti, inquinamento, sicurezza, illegalità, camorra, negazione del diritto alla salute, mancanza di servizi sociali.

 

Dare all'istituzione universitaria, insediata totalmente nel nostro territorio e con la quasi totalità dei suoi iscritti casertani,  il nome che le spetta non risolverà d'incanto queste  emergenze ataviche  ma diventerà  un segnale importante di un voler voltare pagina e  di una riscoperta, da parte dei politici ed amministratori, di un loro doveroso scatto di dignità e di "amor loci", da loro  da troppo tempo vilipesi.

 

Con questo nostro ulteriore ed annuale appello ci rivolgiamo oggi ai tanti nostri cittadini indignati che vent'anni fa apposero  75.000 firme  e parteciparono a cortei di protesta, a  sit-in, a scioperi, a  serrate, a  vertenze ministeriali e a denunce  perché questo insediamento universitario privilegiasse Caserta.

 

Tutto questo con un fattivo e pregnante impegno della Chiesa locale sempre in prima linea col Vescovo Nogaro.

 

Appello per rivendicare una primogenitura cui non possiamo rinunciare. Se Caserta non avesse affermato il suo diritto all'Università, la stessa non sarebbe nata, con beneficenza per tutto il Territorio di Terra di Lavoro.

 

Un ulteriore appello che rivolgiamo, ancora fiduciosi, anche ai nostri politici ed amministratori sempre pronti, in periodo elettorale, a promettere indiscusso impegno sul tema del cambio del nome per poi dimenticarsene subito dopo, rinunciandovi artatamente.

Un impegno, il loro, mai onorato  benché da noi sollecitato costantemente  con  appelli e petizioni rivolti alle nostre assemblee elettive e sostenuti anche da 5000 firme, perché mettessero in campo non solo auspici ma soprattutto significative pressioni sul Senato Accademico, l'unico abilitato al cambio di nome della SUN.

 

Per quanto ci riguarda intendiamo ripromuovere quello spirito partecipativo di vent'anni fa attraverso azioni, iniziative, pressioni che portino questa nostra ventennale resistenza ad un approdo risolutivo.

 

Per il Rettorato va stigmatizzata la presa in  giro di vederlo allocato in una sede prestigiosa come la Reggia vanvitelliana con il  solo compito di fungere da Casella  Postale o peggio ancora, da raccolta Rassegna  Stampa,  mentre  la sede operativa vera  resta ancora a Napoli via  Santa Maria di Costantinopoli. Il Policlinico rimane, poi, in un impasse vergognoso ed inaccettabile, che solo una continua e caparbia azione sindacale riesce a tenere all'Ordine del Giorno, faticosamente.

 

Tutto questo, lo ribadiamo con le parole recenti di Mons. Nogaro, mentre a Caserta è indispensabile una sua identificata Università che promuova iniziative culturali efficaci e per sostenere un'azione politica illuminata e autonoma".

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione