Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 24.09.13 20:49.

L'articolo precedente è
Unicef: Lattine per Crescere comunicato stampa Unicef - Eleonora Ragozzino.

Il prossimo articolo è
Tribunale di Napoli Nord Gaetano Irollo.

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« Unicef: Lattine per Crescere comunicato stampa Unicef - Eleonora Ragozzino | Pagina principale | Tribunale di Napoli Nord Gaetano Irollo »

Chiarimenti forniti dall'agenzia delle entrate in merito ai lavori di ristrutturazione e del risparmio energetico ed altre novità. Enrico Masucci e Giorgia Masucci

MASUCCI Soldi.jpg

Il 18 settembre u.s. l'Agenzia delle entrate ha messo ordine alla disciplina in oggetto, chiarendo le novità introdotte dal D.L. 63/2013.

Vediamo pertanto i punti fondamentali spiegati nella suddetta circolare:   >>>continua>>>>

TERMINI

Sono prorogati fino al 31/12/2013 le detrazioni inerenti gli interventi di riqualificazione energetica e di recupero del patrimonio edilizio; la proroga è invece fino al 30/06/2014 per gli interventi di riqualificazione riguardanti  parti comuni di edifici condominiali.

 

ALIQUOTE

Quella del 55% (risparmio energetico) è innalzata al 65%; quella del 36% (patrimonio edilizio) è innalzata al 50% ed al 65% per gli interventi finalizzati all'implementazione di sistemi antisismici.

 

INTERVENTI RISPARMIO ENERGETICO INTERESSATI ALLA PROROGA

Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti: per questa tipologia di interventi non è specificato quali opere o quali impianti occorre realizzare per raggiungere le prestazioni energetiche richieste. L'intervento, infatti, è definito in funzione del risultato che lo stesso deve conseguire in termini di riduzione del fabbisogno annuo di energia primaria per la climatizzazione invernale dell'intero fabbricato (limite massimo € 100.000,00); interventi su edifici esistenti riguardanti pavimenti finestre e infissi (limite massimo € 60.000,00); installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda a uso domestico o industriale (limite massimo € 60.000,00); interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione o con pompe di calore ad alta efficienza (limite massimo € 30.000,00); interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore (limite massimo € 30.000,00). Per tali interventi, occorre fare riferimento per le persone fisiche, gli esercenti arti e professioni e gli enti commerciali, al principio di cassa, e quindi alla data dell'effettivo pagamento; per le imprese individuali, le società e gli enti commerciali al criterio di competenza e, quindi, alla data di ultimazione della prestazione, indipendentemente dalla data dei pagamenti.

 

INTERVENTI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO

Oltre  all'innalzamento della percentuale, come precisato nel paragrafo "aliquote", è stato previsto anche un incremento delle spese ammissibili da € 48.000,00 ad € 96.000,00.

È stata altresì riconosciuta una detrazione di imposta sempre pari al 50% per l'acquisto di mobili (es: letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché i materassi e gli apparecchi di illuminazione che costituiscono un necessario completamento dell'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione) e di grandi elettrodomestici (es: frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento)  di classe non inferiore ad A+, nonché A per i forni, per le apparecchiature per le quali sia prevista l'etichetta energetica, finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione con un tetto massimo di € 10.000,00. Possono usufruire di questa ultima agevolazione, solo i soggetti che fruiscono della detrazione per interventi di recupero del patrimonio edilizio; si ritiene possibile, inoltre, che le spese per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici siano sostenute anche prima di quelle per la ristrutturazione dell'immobile, a condizione che siano stati già avviati i lavori di ristrutturazione dell'immobile cui detti beni sono destinati. In altri termini, la data di inizio lavori deve essere anteriore a quella in cui sono sostenute le spese per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici, ma non è necessario che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l'arredo dell'abitazione. La data di avvio potrà essere comprovata dalle eventuali abilitazioni amministrative o comunicazioni richieste dalla vigente legislazione edilizia ovvero, in caso si tratti di lavori per i quali non siano necessarie comunicazioni dovrà essere oggetto di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. Si precisa, inoltre, che possono essere agevolate solo le spese sostenute per gli acquisti di mobili o grandi elettrodomestici nuovi. Per esigenze di semplificazione legate alle tipologie di beni acquistabili, è consentito effettuare il pagamento degli acquisti di mobili o di grandi elettrodomestici anche mediante carte di credito o carte di debito, rimane invece invariato il pagamento con specifico bonifico, per le spese di ristrutturazione vere e proprie.

 

Vediamo adesso brevemente anche altre novità introdotte dal decreto IMU e dal decreto lavoro

 

RIDUZIONE ALIQUOTA CEDOLARE SECCA LOCAZIONE A CANONE CONCORDATO

Il decreto imu ha previsto una riduzione dell'aliquota della cedolare secca per le locazioni a canone concordato dal 19% al 15% a partire dal periodo di imposta 2013.

È stato inoltre previsto che i costruttori non debbano versare la seconda rata imu per gli immobili rimasti invenduti o sfitti, relativamente ai fabbricati destinati alla vendita,

 

RIDUZIONE TETTO DETRAIBILITA' POLIZZE VITA

È stato abbassato il tetto di detraibilità delle polizze vita a 630 euro per il periodo d'imposta in corso alla data del 31 dicembre 2013 e a 230 euro per quello 2014.

 

RESPONSABILITA' SOLIDALE SUBAPPALTI

Se da una parte il decreto del fare ha abolito la responsabilità solidale di appaltatore e sub appaltatore per quanto riguarda il versamento dell'iva (vedi ns. nota informativa 4/2013) ma mantenendo quella delle ritenute dei dipendenti,  il decreto del lavoro estende tale responsabilità al versamento delle ritenute dei lavoratori autonomi.

 

SRL ORDINARIE CON CAPITALE MINIMO 

Vengono abolite le srl a capitale ridotto, ma nel contempo viene data la possibilità di costituire srl con capitale inferiore i 10.000 euro. In tal caso: non possono essere effettuati conferimenti diversi dal denaro; i conferimenti in denaro vanno per intero versati nelle mani di coloro che sono nominati amministratori della società; una somma pari a un quinto degli utili netti risultanti dal bilancio di ogni esercizio deve essere mandata a formare la riserva legale, e ciò fino a che il patrimonio netto della società non abbia raggiunto la soglia di 10mila euro

 

Infine citiamo alcuni chiarimenti in merito alla prossima comunicazione inerente i beni della società dati in uso ai soci:  il provvedimento 2/8/2013, in un'ottica di semplificazione dell'adempimento ha escluso alcune categorie di beni da tale obbligo. In particolare non devono più essere comunicati:  beni concessi in godimento agli amministratori, i beni concessi in godimento al socio dipendente o lavoratore autonomo, che costituiscono fringe benefit. i beni concessi in godimento all'imprenditore  individuale, i beni di società e di enti privati di tipo associativo che svolgono attività commerciale, residenti o non residenti, concessi in godimento a enti non commerciali soci, che utilizzano gli stessi beni per fini esclusivamente istituzionali; gli alloggi delle società cooperative edilizie di abitazione a proprietà indivisa concessi ai propri soci; l'obbligo, inoltre, non scatta quando i beni concessi in godimento al socio o familiare dell'imprenditore, inclusi nella categoria "altro" siano di valore non superiore a tremila euro, al netto dell'imposta sul valore aggiunto.

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione