Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 19.11.14 19:45.

L'articolo precedente è
Alain Barriere Luis Suarez.

Il prossimo articolo è
U.I.F. Tribunale di Napoli Nord a Palazzo Parente il 21 novembre.

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« Alain Barriere Luis Suarez | Pagina principale | U.I.F. Tribunale di Napoli Nord a Palazzo Parente il 21 novembre »

La Reggia di Caserta ad un passo da Aversa Alvaro Vargas Martino

images.jpg

La Reggia di Caserta dista pochi chilometri da Aversa. Voluta dal nonno di Maria Luisa, Carlo III, nel 1752 e completata nel 1845 (anche se nel 1870 era già abitata), è un capolavoro dell'architetto  Luigi Vanvitelli, ed è definita l'ultima grande realizzazione del Barocco italiano e costituisce una valida testimonianza degli anni di splendore della casata spagnola come lo testimonia il fatto che, in termini di volume, è la più grande residenza reale del mondo con oltre due milioni di metri cubi. Non solo, è circondata da un vasto parco abbellito dalle magnifiche fontane dei Delfini, di Cerere, di Eolo, di Diana e Atteone e di Venere e Adone e dalla famosa Grande Cascata, nonché dal Giardino Inglese, con i suoi fitti boschi, voluto dalla Regina Maria Carolina d'Austria su consiglio dell'ambasciatore britannico Lord Hamilton, e realizzato dal botanico inglese John Andrew Graefer, in collaborazione con Carlo Vanvitelli. >>>>>

Infatti, la prima cosa che colpisce è appunto il maestoso Parco Reale con i suoi magnifici giardini, nei quali il visitatore si sente trasportato direttamente ai tempi dei Borboni, immaginandoli mentre vi passeggiano semplicemente per divagarsi, o per riflettere o qualche volta, addirittura, per decidere il destino del suo regno e le sorti dei suoi sudditti.

Nondimeno, la grandiosità delle maginificenze del Palazzo Reale, la cui visita inizia dallo Scalone d'Onore, che conduce al Vestibolo superiore, fulcro compositivo e scenografico dell'intero palazzo, dal quale si accede alla Capella Palatina, analoga per lo schema a quella del Palazzo di Versailles, ma con una struttura architettonica, opera del Vanvitelli, totalmente nuova e diversa dal modello francese. Dal Vestibolo supeiore si accede anche agli Appartamenti reali, composti dalle Anticamere, l'Appartamento nuovo o dell'Ottocento, l'Appartamento Murattiano e l'Appartamento vecchio o del Settecento. Ampie stanze, riccamente decorate con sontuosi fregi, stucchi e bassorilievi, e contenenti mobili, libri e oggetti dell'epoca accuratamente conservati, come si addice ad un palazzo reale, tra le quali spiccano, naturalmente, la maestosa Sala del Trono, con quarantasei medaglioni con i ritratti dei Re di Napoli, da Ruggero il Normanno a Ferdinando II, le denominate Sale delle Stagioni, quattro stanze dedicate alla primavera, l'estate, l'autunno e l'inverno, con decorazioni relative alle stagioni con le loro tonalità e le loro sfumature, e la sala elittica, nella quale è allestita la grande teca con il Presepe borbonico di circa 20 metri quadrati.

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione