Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 21.11.14 07:18.

L'articolo precedente è
Primo festival delle bande ed orchestre infantili e giovanili in Campania dal 21 al 23 Novembre 2014 - Mostra d'Oltremare, Napoli.

Il prossimo articolo è
"Matres / Matres": mostra Fotografica di Giovanni Izzo a Capua .

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« Primo festival delle bande ed orchestre infantili e giovanili in Campania dal 21 al 23 Novembre 2014 - Mostra d'Oltremare, Napoli | Pagina principale | "Matres / Matres": mostra Fotografica di Giovanni Izzo a Capua »

"Mercatino a Palazzo Parente": senso anche relativamente alla rivalorizzazione del centro storico normanno Amedeo Ranalli

Merc.jpg

Vorrei ricordare che il mercato, la fiera era il momento ed il luogo di incontro e di scambio tra persone, mestieri, abitudini diverse. Il contadino, il fabbro, il sellaio, il carrettiere, l'allevatore, il mercante ed il signore. Scambio di generi sì, ma anche di idee, di modi di vivere in abitudini diverse e chi lo frequentava era naturalmente predisposto ad aprire i propri orizzonti ed il proprio modo di vivere. 

>>>>>

Il contadino delle valli montane accettava le semenzi o le piantine già cesciute, dal mercante che saliva dalla pianura, ma solo di quelle qualità che sapeva essere resistenti al proprio abitat. Il contadino montano allo stesso tempo vendeva il lavoro prodotto nelle lunghe serate invernali, cesti, filati o stoviglie di legno. Scambio di abitudini, luogo di incontro. Cultura? Non lo so. La mia, comunque, vuole essere proprio una provocazione per gli "eletti" che considerano solo la cultura letteraria, musicale o altro. Cultura, coltivare, far cescere, accrescere... Certamente operare attraverso il "mercatino", altro aspetto dell'iniziativa, per dare un senso ad un centro storico, più pulito di quando ero piccolo, ma purtroppo più vuoto, è sempre auspicabile anche per non correre il rischio di rendere il tutto un aspetto riservato a pochi "eletti".

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione