Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 02.05.15 18:04.

L'articolo precedente è
"Caffè giuridico" a Palazzo Parente Antonio Santi.

Il prossimo articolo è
Una Santa nella Terra dei Fuochi: Suor Maria Raffaella Coppola Rosa Morelli.

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« "Caffè giuridico" a Palazzo Parente Antonio Santi | Pagina principale | Una Santa nella Terra dei Fuochi: Suor Maria Raffaella Coppola Rosa Morelli »

1° maggio: Festa della Tammorra al Teverolaccio Elena Donadio

Teverolaccio.jpg

Nell'ottica di portare Aversa nel Mondo ed il Mondo ad Aversa secondo una oramai irrinunciabile prospettiva internazionale, L'Eco continuerà a pubblicare anche articoli in altra lingua o anche articoli con un sunto in altra lingua. Un esperimento che ci sembra innovativo e ci rende particolarmente soddisfatti. Tali articoli o sunti di articoli saranno pubblicati con il colore marrone scuro per differenziare.

Tante persone, con una luce speciale negli occhi, la luce di vita di satiri e ninfe che ballano ai margini del bosco. Il ritmo della tammorra dei gruppi che si susseguono, le castagnette, le posture di uomini e donne, i colori degli abiti e poi la ruota, il corteggiamento, il fazzoletto. Le tammorre e i tamburelli. I sorrisi. Le anime delle persone che ballano ancor prima dei loro corpi in una sinergia di suoni, odori, luci che rendono magica, antica ma sempre sorprendente questa manifestazione. >>> 

La festa della Tammorra, organizzata dall' "Associazione Carinaro Attiva", festeggia quest'anno dieci anni con molto successo se si considera che ai quattro tradizionali appuntamenti: Carinaro (13 /14 giugno), Villa di Briano (12 aprile), Parete (24 aprile) e Teverolaccio (1° Maggio), si sono aggiunti anche Maddaloni (9 Maggio), Aversa (15 Maggio), Cellole (24 Maggio), San Nicola la Strada (6 Giugno). L'associazione vuole sviluppare una vera e propria industria culturale attraverso la riscoperta delle tradizioni popolari; i momenti di festa sono anche momenti di ritrovo della comunità cittadina che cerca l'antico sentimento di appartenenza alla comunità locale ed è alla riscoperta della propria identità. La Festa della Tammorra nasce, infatti, nella zona di Carinaro, dapprima area agricola, in seguito trasformata in area industriale con insediamenti di numerose fabbriche, e oggi in via di de-industrializzazione. Tristemente attuale in questi giorni è la protesta degli operai per la paventata chiusura della fabbrica Indesit nella zona. Dunque socialità e cultura tradizionale possono aiutare alla ricostruzione di una nuova identità, che pone le basi nelle sue solide tradizioni. Queste sono fondate sul ritmo binario della tammorra, il ritmo che ripropone il battito del cuore: il suono primo della vita, poiché richiama il grembo materno e la madre Terra. Il direttore artistico della manifestazione, Marcello Colasurdo, condivide l'impostazione dell'"Associazione Carinaro Attiva" e propone durante la Festa della Tammorra una vera e propria antologia dei canti e dei balli tradizionali ancora vivi nelle tradizioni dell'Italia meridionale. Al Castello di Teverolaccio, oltre a "Marcello Colasurdo e Paranza", si esibiscono "Gli Scacciapensieri", "i Suddaria" e i "Vianova". Appuntamento ad Aversa il 15 Maggio.

A celebration of one of the southern Italy traditions occurred yesterday, on May Day, 1 May, an ancient European spring holiday. Where? At Castello di Teverolaccio, in Succivo, a rural area north of Naples. Festa della Tammorra celebrates its 10th anniversary this year. The tambourine is called tammorra in Neapolitan dialect; it is a circular frame with a single drum head stretched across one side of the instrument. There are generally small metal "jingles" mounted around the perimeter of the instrument, that sound as the tammorra is struck by the knuckles or the open hand. Many peoples gather around some tammorra players and they dance all the night long a folk dance which combines songs and drama talking about the origins of our culture. Dancers follow the binary rhythm of the tammorra that takes them back to birth, to the music of a mother's heart in her womb, back to the ancient contact with mother Earth and helps rediscover our instincts. All the things that DH Lawrence found out during his journey in Southern Italy, are still here; they are still alive, they still represent a treasure for a society which lives its ongoing evolution.


 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione