Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 08.09.15 10:50.

L'articolo precedente è
Dal Vaticano | Papa Francesco: la schiavitù del lavoro è contro Dio e contro la dignità della persona umana! Alvaro Vargas Martino.

Il prossimo articolo è
Speciale | 1 - Aversa: Cimarosa in mostra presso la Libreria Quarto Stato Antonio Santi.

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« Dal Vaticano | Papa Francesco: la schiavitù del lavoro è contro Dio e contro la dignità della persona umana! Alvaro Vargas Martino | Pagina principale | Speciale | 1 - Aversa: Cimarosa in mostra presso la Libreria Quarto Stato Antonio Santi »

"Revolutionary Road" Arianna De Gasperis

locandina revolutinary road.jpg
Mi è capitata per caso l'occasione di vedere Revolutionary Road, pellicola del 2008, di cui non avevo mai sentito parlare prima; la presenza di due attori protagonisti talentuosi come Leonardo Di Caprio e Kate Winslet, e la regia del Premio Oscar Sam Mendes (American Beauty , Skyfall, Era mio padre) mi hanno fin da subito incuriosito. I due protagonisti di Titanic si incontrano per la seconda volta, a distanza di anni, interpretando questa volta due giovani coniugi, una volta innamorati e sognatori, ora infelici con due figli, costretti  a fare i conti con il vero tema portante della vicenda, la rassegnazione; la rassegnazione verso una vita, un lavoro, un luogo che non si vuole, che addirittura si arriva a odiare. >>>
Mentre i due recitano perfettamente la parte di una famigliola felice e soddisfatta, all'interno delle mura di casa si consuma il loro dramma: April (Kate Winslet) si sente imprigionata nel ruolo di moglie e madre che le viene relegato dall'epoca e dalla cittadina in cui vive, ma non vuole piegarsi del tutto ad essa; Frank (Leonardo Di Caprio), insoddisfatto del proprio lavoro da impiegato, una volta ragazzo ambizioso e curioso, vive nel ricordo nostalgico di andare a vivere a Parigi. April non vuole rassegnarsi a questa condizione: offre al marito di lasciare la casa, il lavoro e di trasferirsi nell'amata capitale francese, lavorando lì come segretaria e permettendo loro  di vivere la vita che tanto avevano sognato; Frank, nonostante accetti inizialmente, forse spaventato dal grande cambiamento e dal ruolo che avrebbe lì avuto la moglie mantenendolo, approfitta di una vantaggiosa offerta di lavoro e confessa la sua decisione ad April. Lei, delusa, è costretta definitivamente ad abbandonare il sogno parigino scoprendo che è di nuovo incinta. April vede nel figlioletto in arrivo la distruzione dell'ultima speranza di libertà che aveva sempre desiderato e nell'aborto l'univa via di scampo ad una vita che non vuole. Il regista ci mette di fronte ad un bivio, a cui però non da risposta: davanti ad una vita che si odia, dobbiamo rassegnarci ad essa, guadagnando prestigio e  ricchezze ma rinunciando ai nostri sogni, oppure non rassegnarci, andando all'avventura e facendo di tutto pur di ottenere ciò che vogliamo? Come già anticipato, il regista non risponde a questo quesito, ma lascia a noi spettatori la possibilità di scegliere; Sam Mendes parla di sentimenti e situazioni verosimili, che purtroppo, prima o poi, accadono a tutti, e dirige magistralmente i due bravissimi protagonisti. 
 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione