Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 20.09.15 00:36.

L'articolo precedente è
Settembre, il mese del cambiamento Daniela Marcolongo.

Il prossimo articolo è
"Autunno musicale", news.

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« Settembre, il mese del cambiamento Daniela Marcolongo | Pagina principale | "Autunno musicale", news »

"Terra di canapa" per bonificare la "Terra dei fuochi" Comunicato stampa Arianna Comunicazione

umberto-riccio_sfondo-canapa.jpg

CASERTA. L'obiettivo è ambizioso. Convertire la filiera del tabacco in filiera della canapa. Una sorta di ritorno... al futuro, giacché Terra di Lavoro, fino agli anni Settanta, era il comparto agricolo a più intensa coltivazione di canapa in Italia. L'idea è stata lanciata da Domenico Bovienzo, presidente dell'Associazione nazionale periti tabacco, ed è stata raccolta da Umberto Riccio, a capo del "Distretto turistico di Caserta", il consorzio nato per promuovere le eccellenze provinciali. >>>>

«È chiaro - spiega Bovienzo - che non si parla più della "vecchia canapa", lasciata a macerare nei lagni, ma della "nuova canapa", un prodotto che oggi può essere trattato con l'impiego di tecnologie che, con il minimo sforzo, esaltano sia la redditività che la qualità». La Campania, ed è un grave ritardo cui porre rimedio, è l'ultima Regione che ha accesso un dibattito sul ritorno della canapa sativa, pur essendo stata la "capitale" della canapa nel Belpaese. Bovienzo ha redatto un progetto che il "Distretto turistico di Caserta" si sta impegnando a diffondere, in collaborazione con l'Ente provinciale per il turismo, l'associazione "Terra sovrana" di Bruno Cortese e la Regione Campania. Partita nel napoletano, la campagna di sensibilizzazione farà tappa a Caserta, con una serie di convegni: si partirà da Macerata, il 25 settembre, e si proseguirà con San Felice a Cancello e con tutti i Comuni della filiera del tabacco, filiera ormai in via di esaurimento. Ai sindaci, ai coltivatori, ai cittadini, agronomi e tecnici spiegheranno le enormi potenzialità di una pianta che ha infinite applicazioni, nei settori alimentare, artigianale, industriale, edile, medico e tessile. Una vera a propria "pianta delle meraviglie"! Da non sottovalutare, infine, le sue proprietà bonificanti: «La canapa - spiega Riccio - funge da pompa di calore, assorbe i metalli pesanti dal terreno e li stocca nella foglia e nel fusto. Potrebbe essere questo un modo per ridare una chance i terreni inquinati della "Terra dei fuochi". Pure in questo caso, la pianta non andrebbe buttata, ma riutilizzata nell'edilizia o nella produzione di olio industriale». Si potrebbero, dunque, bonificare intere aree compromesse e, allo stesso tempo, produrre fonti di materie prime alternative».

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione