Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 20.06.16 17:34.

L'articolo precedente è
Misericordiae Vultus in Cattedrale Anna Dello Margio.

Il prossimo articolo è
Prove di "rete" grazie ad Albignac Antonio Santi.

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« Misericordiae Vultus in Cattedrale Anna Dello Margio | Pagina principale | Prove di "rete" grazie ad Albignac Antonio Santi »

Festival Cimarosa 2015-16: 28 giugno - 10 luglio scatti su Aversa del francese Hugo Albignac

Locandina definitiva per internet.jpg

Palazzo Parente, Aversa: Hugo Albignac, fotografo, espone i suoi scatti puntati sulle mura di Aversa, e non solo, che parlano. E, in allegato, scatti su Marsiglia, residenza dell'Artista. La Mostra s'inaugura martedì 28 giugno 2016, ore 20:00. Durerà dal 28 giugno al 10 luglio. Nel mezzo: 4 luglio, Serata, ad inviti, di gala con il Console di Francia; 7 luglio, a cura di Francesca Prisco e Giulia Sagliocco, proiezione di un corto su la Maddalena girato al tempo della dismissione, con, anche, interviste ai pazienti. >>>continua>>>

Nell'istituzione psichiatrica clinica i muri rappresentano l'isolamento per protezione o separazione, dipende da chi narra. I muri sono anche ciò che può essere abbattuto, scheggiato, fratturato o ridipinto e riutilizzato nel presente. Il muro reca tracce in cui tutto può sembrare abbandonato fuori. Le rovine sono muri che rimangono ancora, sequestrati dal filo della storia, tra una ricostruzione e un nuovo giorno.

 

Passeggiando per le strade di Aversa siamo colti dal significato profondo che rivestono le mura. Se ci si ferma al primo sguardo, non si va oltre il degrado di una città antica, fondata dai normanni (nel 1030). Ma questa città, in questa Campania Felix, invita ad andare oltre, integrando queste mura nella storia sensibile dei luoghi. E delle Persone, storie personali, quindi, anche. Un muro è uno spazio da toccare per ognuno di noi e sul quale si possono lasciare (scrivere) i propri dolori, i propri amori, le proprie trasformazioni.

 

Il senso ora è reinvestito, ricomposto con le parole. E allora il nostro paesaggio in due 2D - la parete non piana - è collegato a tutto ciò che lo circonda, il marciapiede che viene rifatto, la parete opposta, il panorama fuori da queste pareti, le azioni che ricoprono, il pensiero fugace presente nella testa di colui che condivide il mondo sul muro, nel cuore di questa realtà. Questa traccia include tutti i momenti della vita di una persona che sono riassunti in quell'unico pensiero.

 

E 'anche la fine di un mondo e di storie personali che possiamo ancora guardare. Per questo è interessante mostrare le foto dell'Ospedale Psichiatrico della Maddalena, già esposti all'Istituto Francese di Napoli nel mese di gennaio 2016. In primo luogo, perché questo posto, oggi abbandonato, è segnato dalle parole scritte sui muri, ma anche raccolte, archiviate nei documenti che costituiscono il suo patrimonio umano, vale a dire le cartelle cliniche.

 

Questa mostra doveva per forza essere legata anche alle mie foto di Marsiglia, terra dove vivo, città del sud della Francia che ho adottato, città' tanto legata storicamente e umanamente alle migrazione del Sud italiano e al Mediterraneo come orizzonte. La Terra marsigliese raccontata, la cui evoluzione è stata descritta acutamente nei suoi racconti da Jean-Claude Izzo.Il suo presente urbanistico ed umano cerca ancora il suo modello di sviluppo, tra un nord attraente per la sua potenziale uniformità economica che permette di contrastare un apparente marginalità, e un sud più culturale che permette la sopravvivenza di una storia comune nel Mediterraneo.

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione