Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 28.07.16 09:09.

L'articolo precedente è
"L'adultera" di Laudomia Bonanni Luigi Alviggi.

Il prossimo articolo è
A un passo da te... Silvia Dalfelli.

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« "L'adultera" di Laudomia Bonanni Luigi Alviggi | Pagina principale | A un passo da te... Silvia Dalfelli »

Palazzo Parente: dove le Persone realizzano le Passioni Antonio Santi

Si chiude un'altra stagione di Palazzo Parente sia sotto il profilo culturale che commerciale; tempo di bilanci, quindi. Partiamo dal fatto secondo cui possiamo affermare che, oggi, i protagonisti "principali" di Palazzo Parente sono tre: lo scrivente, Stefania Perugini e Titti D'Amore. Ragionando sul ruolo svolto da ciascuno, balza all'evidenza che un minimo comun denominatore composito esiste e consiste, primo, nel fatto che, ognuno, era portatore di una Passione; secondo, che ognuno è riuscito a realizzare la "propria" Passione proprio a Palazzo Parente. Accadimenti rari ma ammirevoli e considerevoli in questi tempi grigi in cui le persone rinunciano alle Passioni ed ai Sogni e, nolente, si adattano al sistema per sopravvivere. >>>continua>>>>

Vogliamo esemplificare? Comincio da me. Ad un certo punto ho deciso di mettere in disparte l'avvocatura (divenuta insoddisfacente) e dedicarmi alla vecchia casa della famiglia paterna mettendo in moto commercio - cerimonie - e Cultura, sotto quest'ultimo aspetto, in particolare, dando sfogo a passioni connaturate e, cioè, organizzare eventi e scrivere. Dopo una lotta titanica contro il provincialissimo sistema locale - refrattario al forestiero libero e indipendente e a chi ci sa fare oltretutto senza contributi pubblici - può, oggi, affermarsi, senza ombra di dubbio, che Palazzo Parente è un punto di riferimento nella Cultura. E che il riesumato L'Eco di Aversa è resistito nel tempo senza pubblicità (al contrario di altri periodici) attestandosi come povero ma di qualità e non asservito a politici e/o partiti. Io, quindi, posso affermare di avere realizzato le mie Passioni (dopo avere svolto bene l'avvocato). Passo, poi, a parlare di Stefania. Appassionata di arte, creativa, dotata di gusto necessitava dell'occasione per affermare le sue preferenze. E così, superati i timori dell'esposizione, Palazzo Parente le ha consentito, ad esempio, di organizzare "il tradizionale Mercatino" dell'Artigianato - da tempo dimenticato da tutti, governo e cittadini - e di occuparsi della parte "estetica" delle cerimonie. Con successo, senza ombra di dubbio. Passo a parlare, infine, di Titti d'Amore. La moglie del medico Romolo Perugini aveva la Passione per la Cucina. Sappiamo che si suole parlare di Arte Culinaria e del Bere. Con esattezza, perché il concetto di Cultura deve essere inteso in senso ampio e non può non includere Cucina, Sapori, Tradizioni. Orbene, Titti ha deciso di dedicare una parte del proprio tempo libero a soddisfare il palato delle persone. Attraverso una mescolanza di materiali che realizzano i Sapori della Tradizione. Poteva, la moglie del medico, non dare spazio alla sua Passione e scegliere la via comoda e tranquilla del disimpegno, invece no, invece si è messa in discussione, ha provato, ha rinunciato a starsene in pantofole, ha rischiato la "faccia" (un errore sarebbe stato fatale) ed è riuscita e, alla fine, la Passione è stata soddisfatta. Tutto questo a... Palazzo Parente. Riflettendo bene, anche altri soggetti hanno trovato spazio per realizzare, sempre a Palazzo Parente, le loro Passioni. Per esempio, Salvatore De Chiara, giovane giornalista colto, dal fluente e corretto italiano, profondo conoscitore della Storia anche di Aversa, di ampie vedute. Che conclusioni trarre, a questo punto? Primo, un plauso a chi ha deciso di scendere in campo. Perché, come diceva una pubblicità dell'Alfa Romeo, "la Passione ci guida". In effetti, la Passione è tutto. Chi vi rinuncia per sottomissione ai formalismi, ai ruoli sociali predefiniti, al provincialismo soffocante e alla fine strozzante, al giudizio degli altri, alle "regole" non codificate ma condizionanti resta un miserevole "poveretto". Incapace di cogliere il lato più bello della vita, quello della Passione. Secondo, Palazzo Parente realizza le Passioni delle persone. Perché, viene da chiedersi? Risposta semplice: perché è libero, autonomo, serio, corretto, credibile, incrollabile, incentrato sulla qualità, internazionale, appassionato. Facilita la vita ai capaci ma allontana i "democristiani" utilitaristici, falsi, ipocriti, professori del compromesso e del "fregare" l'altro, malati di protagonismo, individualisti. Conclusione delle conclusioni? Certamente: Palazzo Parente è un'isola felice. Grazie a tutti coloro che ne hanno saputo cogliere la positività e costruttività ed allo stesso hanno dato se stessi con tutti i relativi rischi, anche d'immagine. Continueremo, ovviamente, su questa strada. Caparbiamente. Liberi. Soddisfatti.

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione