Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 03.07.16 12:14.

L'articolo precedente è
Commemorati i Caduti aversani della Grande Guerra Giulio Caracciolo.

Il prossimo articolo è
Festival Cimarosa 2015-16 | Palazzo Parente, visita guidata della mostra di Hugo Albignac sulla Maddalena.

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« Commemorati i Caduti aversani della Grande Guerra Giulio Caracciolo | Pagina principale | Festival Cimarosa 2015-16 | Palazzo Parente, visita guidata della mostra di Hugo Albignac sulla Maddalena »

Uexit... il potere di una maledizione Silvia Dalfelli

Alcuni anni fa, accadde una cosa alquanto strana e singolare....insolita direi. All'improvviso, cominciarono ad arrivare presso gli uffici della Soprintendenza archeologica di Pompei, numerosi pacchetti anonimi, contenenti pezzetti di mura, frattaglie di affreschi ed altri frammenti appartenenti all'antica città. Si trattava di resti che ovviamente erano stati sottratti anni addietro, da turisti per lo più americani, inglesi ed australiani, curiosi e desiderosi di possedere pezzetti di arte e di storia della nostra terra. Qualche pacchetto giungeva anche con una lettera di scuse, nella quale si attribuiva il furto a qualche parente deceduto e si spiegava la motivazione di tale restituzione, facendo presente che dal momento in cui quei "frammenti" pompeiani erano arrivati nelle loro vite e nelle loro famiglie, grandi sciagure ed eventi nefasti si erano verificati, senza una spiegazione comprensibile. La leggenda narra che "Chiunque si fosse impossessato anche di un solo piccolo frammento dell'antica città, sarebbe stato colpito da una maledizione oscura che avrebbe provocato atroci sofferenze e morte". Coincidenza o no, migliaia di turisti riscontrarono le terribili conseguenze della loro malefatta. >>>continua>>>>  

 

Durante le escursioni notturne dei sorveglianti insieme ad esperti del sito archeologico, spesso si parlava anche di un'altra maledizione, ancora più potente della prima, proveniente dalla Città Sepolta, avvezza alla pratica di riti misterici, secondo la quale, "Chiunque avesse provato ad arricchirsi sottraendo beni e ricchezze o premeditando la caduta in disgrazia e la malasorte delle Terre della Culla, avrebbe sperimentato su di sé l'ira di tutte le forze dell'Universo". Ma la sete di potere dell'essere umano è sconfinata, il desiderio di dominio, smisurato.....l'uomo deve possedere ciò che contengono i suoi occhi e a volte anche la sua immaginazione. Nacquero gli Imperi. Affascinante termine che definisce un'autorità suprema, un controllo totale delle economie, delle culture, delle ideologie, dei territori, delle ricchezze proprie ed altrui. Il primo....il più antico.....non il più esteso.....ma senz'altro il più grande.....per la straordinaria capacità di gestione della "Res" pubblica, per la qualità del territorio, per l'organizzazione socio-politica, e per l'importante segno lasciato nella storia dell'umanità, fu l'Impero Romano. In tutti i territori sui quali estesero i propri confini, i romani costruirono città, strade, ponti, acquedotti, fortificazioni, esportando ovunque il loro modello di civiltà e al contempo assimilando le popolazioni e civiltà assoggettate, in un processo così profondo che per secoli ancora, dopo la fine dell'impero, queste genti continuarono a definirsi romane. L'accezione "imperiale" non è necessariamente negativa, perché, molto se non tutto, dipende dall'ideologia sottostante. Traiano, l'imperatore romano più grande della storia, colui che portò Roma al suo massimo splendore e alla sua massima estensione, fu definito "delizia delle genti" per le sue numerose virtù, tali da fissarlo per secoli nella memoria collettiva, e da suggerire al viaggio Dantesco la più auspicabile delle ubicazioni......il Paradiso. Ciò dimostra che si può anche colonizzare, conquistare, possedere, purché il fine sia nobile e costruttivo. Ma il secondo excursus imperiale fu quello britannico, la cui ideologia sottostante tendeva alla massima estensione e al massimo sfruttamento territoriale, infatti, fu il più grande impero di tutti i tempi per dimensioni, ed arrivò ad ottenere il controllo di mezzo miliardo di persone.....un quinto della popolazione terrestre. "Tuttavia, fin dal primo '400 si vennero a creare i presupposti economico-organizzativi, tecnologici, teorici e strumentali per le esplorazioni transoceaniche ad opera di altri due paesi, Spagna e Portogallo.  Ametà XV secolo è pronta la base tecnologica per l'esplorazione: la caravella che può navigare lontano dalle coste e rimanere in mare più a lungo. C'è lo sviluppo della teoria e delle tecniche geografiche. Viene vista la mappa tolemaica del mondo che mostra che le navi possono navigare tranquillamente tra l'Africa e le Indie (Malesia, Indie orientali, Cina). La Spagna possiede la bussola, geniale invenzione proveniente dal  Sol Levante e perfezionata dall'amalfitano Flavio Gioia. L'esplorazione portoghese nelle terre d' Africa portò allo sfruttamento degli schiavi e creò una porta di accesso a risorse quali, oro, avorio, cotone, zucchero e spezie. Per giustificare la conquista delle terre e l'assoggettamento delle popolazioni africane i giuristi inventarono la formula "terra nullius" , cioè una terra non sottoposta a nessuna signoria, abitata da selvaggi senza ordinamento né leggi civili. Di qui la possibilità di imporre la signoria portoghese. Ma l'impero portoghese aveva due limiti: difficoltà di gestire le risorse commerciali e coloniali e la dipendenza dai mercanti stranieri, soprattutto italiani.  Il principio che giustificava l'occupazione dei territori era la fede, la guerra contro gli infedeli. Ma, tali esplorazioni transoceaniche resero gli inglesi invidiosi della grande ricchezza che questi imperi generarono, e iniziarono a stabilire proprie colonie e reti commerciali nelle Americhe e in Asia. Gli Stati Uniti d'America divennero il frutto di tale invidia e delle guerre di potere che questo sentimento riuscì a scatenare. D'ora in poi e per secoli e secoli, il pianeta fu palcoscenico di guerre atroci, oltraggiose per la dignità umana, inutili, prive di senso umano, pregne di senso diabolico. La Maledizione delle Terre della Culla si stava attuando. Guerre civili, guerre di sterminio e persecuzione di intere razze e popolazioni, nera, ebrea.....guerre mondiali.....l'Europa e il mondo intero sono sotto le macerie. Brandelli di esseri umani di ogni nazionalità, sparsi ovunque, senza un valido motivo, carne umana cotta nei forni crematori, corpicini inermi ammucchiati nelle fosse, vite carbonizzate dal soffio atomico, vite condannate a morte, in vita, dal veleno di quel soffio. La Maledizione si era compiuta. L'uomo ci era riuscito.....aveva portato se stesso alla distruzione. Dopo tanto spargimento di sangue, qualcuno pensò che forse era giunto il momento di perseguire un'ondata di pace, ma bisognava studiarla a tavolino, il dialogo sensato e democratico, purtroppo, non ha mai portato grossi frutti. Occorreva un piano organizzativo di intervento, qualcosa che mettesse d'accordo un po' tutti.......nacquero le prime Comunità europee.....l'Italia sempre in prima linea. Unioni fra Stati, adesioni progressive, trattati vincolanti......nuovi poteri crescenti, inevitabili interessi nascenti......complici, tecnologie livellanti ed informazioni pilotate, altamente condizionanti......ha inizio il nuovo imperialismo......il Controllo delle Menti.  L'ingranaggio gira, la storia si ripete, mancano pochi rintocchi, la lancetta del Non Senso umano sta quasi per scoccare la sua ora. L'impero più esteso del mondo dà la battuta di avvio, con le sue due iniziali ed una via d'uscita si inventa un fenomeno di nome Brexit che lo sgancia dai poteri di una "Unione" ormai troppo stretta. A seguire, tutti gli altri,  ormai ridotti a colonie sottomesse da un "Imperatore" di madre germanica e padre Ecclesiastico......il suo nome, Uexit, e nel suo nome la sua nascosta volontà. Difficile capire......ma la Maledizione si ripeterà.

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione