Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 29.09.16 15:22.

L'articolo precedente è
"Il miracolo di San Gennaro", Henry Weedall, Colonnese Luigi Alviggi.

Il prossimo articolo è
Un freno agli incidenti stradali Giulio Caracciolo.

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« "Il miracolo di San Gennaro", Henry Weedall, Colonnese Luigi Alviggi | Pagina principale | Un freno agli incidenti stradali Giulio Caracciolo »

"L'estate addosso": quattro personaggi in cerca di... sé stessi Valentina Pagano

estate addosso.jpg

Nelle sale cinematografiche dal 14 settembre, il decimo film targato Gabriele Muccino s'identifica come un inno alla vita, assaporata fino all'ultimo morso, ballata fino all'ultimo passo, consumata fino all'ultimo respiro; un respiro che è un mix di salsedine, cocco e abbronzante, i tipici profumi inebrianti che scandiscono le assolate giornate estive, le quali fungono da sfondo al nuovo lavoro del regista romano. >>>continua>>>>>

"L'Estate addosso" ( questo è il titolo dato alla pellicola e tratto dall'omonimo brano del cantautore Lorenzo Jovanotti, a cui sono state affidate le musiche del film) affronta dei filoni tematici importanti quali l'omosessualità e lo smarrimento adolescenziale collegato alla scoperta della propria sessualità e alla visione del corpo come soggetto ed oggetto di pulsioni erotiche, attraverso la storia di Marco (interpretato da Brando Pacitto, già comparso nella nota fiction televisivsa "Braccialetti Rossi"), 18 anni, ragazzo romano sul punto di diplomarsi. In piena crisi esistenziale, a seguito di un incidente il giovane riceve dall'assicurazione un indennizzo che gli consentirà di fare un viaggio a San Francisco, accompagnato da Maria (Matilda Anna Ingrid Lutz), la sua amica di classe soprannominata da tutti "la Suora".

All'aeroporto ci saranno ad attenderli Matt (Taylor Frey) e Paul (Joseph Haro), una coppia gay che aprirà loro le porte di casa propria, dando così il via ad un'estate che si pone sotto il segno della condivisione, della scoperta e dell'emozione, un'estate che sortirà sull'intero quartetto un vero e proprio effetto catartico.

In un gioco di confronti interdisciplinari, il film corrisponde ad un climax di tipo ascendente: dall'angoscia esistenziale che trapela nei primi minuti di proiezione attraverso le riflessioni interiori di uno dei protagonisti, si passa, infatti, alla manifestazione di un forte desiderio di libertà, spensieratezza, euforia che coinvolge ogni singolo personaggio della storia ed inevitabilmente lo stesso spettatore.

Ogni elemento della pellicola cinematografica porta incisa su di sé l'identità "Mucciniana": dalle inquadrature panoramiche che catturano, per quanto possibile, la diversa bellezza dei luoghi americani esplorati dai protagonisti in questo viaggio on the road, ai dialoghi ricchi di frasi fatte, pieni di rabbia ed euforia, con battute "urlate" (come non ricordare una delle scene clou de "L'Ultimo Bacio", dove una giovane Giovanna Mezzogiorno, ferita nell'orgoglio dal tradimento del marito Stefano Accorsi, si scaglia contro quest'ultimo riversandogli addosso tutta la sua rabbia) sino a giungere all'utilizzo, da parte del direttore della fotografia, di luci e colori dai toni freddi che rendono le immagini del prodotto "vintage".

La trama è a tratti lacunosa e sconnessa, ma le musiche di Jovanotti, le quali scandiscono le scene ed esaltano i punti nevralgici della storia, riescono a donare un pizzico di brio ad una pellicola che costituisce, per Muccino, un ritorno al filone generazionale.

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione