Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 05.10.16 22:42.

L'articolo precedente è
Un freno agli incidenti stradali Giulio Caracciolo.

Il prossimo articolo è
Grande successo per il Book Festival Fedele Menale .

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« Un freno agli incidenti stradali Giulio Caracciolo | Pagina principale | Grande successo per il Book Festival Fedele Menale »

La bontà della polacca aversana Anna Dello Margio

polacca.jpgLa città di Aversa, ha un ricco patrimonio artistico e religioso tra cui i numerosi monasteri, conventi, chiese, meritandosi non a caso l'appellativo di "città dalle cento chiese" . Essa è molto legata sia alle vicende religiose che alle specialità dolciarie e la sua specialità più nota, la polacca, non fa eccezione. 

Dietro ad un nome non c'è mai una sola storia da ascoltare è questo è ciò che accade anche alla Polacca di Aversa. Chi è inventore di tanta dolcezza? Andando a sbirciare e a leggere di qua e di là ne sono uscite due, una più suggestiva dell' altra: la prima ipotesi narra che la polacca deve il suo nome ad una suora polacca che suggerì la ricetta al pasticciere Mungiguerra nel 1900, lui ispirato la rielaborò accostandola ai nostri sapori e gusti. La seconda, ipotesi molto più suggestiva, raccontata da un anonimo aversano, sostiene che con l'arrivo della regina di Polonia nel 1707 il suo seguito sostò al palazzo Orineti, attraverso un ponte che comunicava con un attiguo convento, le suore prepararono il dolce per il banchetto della regina. Proprio un in onore della regina Maria Casimira di Polonia la nostra polacca prese questo nome. La polacca è tra i dolci un prodotto squisito e apprezzatissimo da grandi e piccini, è nostra consuetudine fare colazione al mattino con caffè e polacca, farcita di crema pasticcera e amarene, avvolto in una morbida pastafrolla, possiamo coccolarci e addolcire il nostro palato.
 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione