Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 17.03.17 15:54.

L'articolo precedente è
Yago Mahugo nel Carnagie Hall di New York Antonio Santi.

Il prossimo articolo è
Un avvocato farebbe bene a partecipare al Gruppo di Studio di Palazzo Parente per il concorso di notaio? Antonio Santi.

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« Yago Mahugo nel Carnagie Hall di New York Antonio Santi | Pagina principale | Un avvocato farebbe bene a partecipare al Gruppo di Studio di Palazzo Parente per il concorso di notaio? Antonio Santi »

"Isole nella memoria", mostra di Diego Sarra: notarelle a margine Antonio Santi

1 diego.jpg2 diego.jpg

Non amo l'arte contemporanea. Appartengo alla schiera d'ignoranti che non capisce mai l'opera contemporanea ed ama i paesaggi. Lo so, sono irrecuperabile, ma tant'è. Le opere di Diego Sarra, in mostra sotto il titolo: "Isole nella memoria", hanno destato, però, il mio interesse. Non solo le ultime due, arrivate a Palazzo Parente solo oggi, vagamente paesaggistiche ma anche e soprattutto quelle che raffigurano una linea di mare e due mondi, uno sott'acqua, uno sopra. Direi che sono tre, in particolare, i quadri che mi hanno colpito, in sequenza. L'autoritratto è il punto di arrivo. Il trittico coglie il senso della vita di ogni uomo. Senza possibilità, per nessuno, di affermare che quel senso non è vero. Trascorriamo la vita con due faccie. Una esterna, una interna. Una "aperta al pubblico", una nascosta. Una fuori di noi, una dentro di noi. La parte più interessante è senz'altro quella nascosta. >>>continua>>>>>>

3 diego.jpg

Dove le idee e le passioni si aggrovigliano trovando ragioni a volte sconosciute persino a noi. E provocano, talora, manifestazioni esterne che non sappiamo a quale ragione ricondurre, forse ad un semplice impulso dettato da chissà quali motivi. Una situazione simile al dualismo causa e motivo del diritto privato dei contratti. S'insegna che la causa è esterna, il motivo interno e, di regola, senza rilievo. Anche nell'ambito dei comportamenti umani vale la stessa regola. Conta la parte emergente di noi, il comportamento concludente, non il groviglio interiore e nascosto. Eppure in quella parte interiore e nascosta si rintraccia chi siamo veramente. E' difficile per noi far emergere quella parte invisibile. Forse potrebbe addirittura far paura e farci scoprire cattivi, egoisti, egocentrici, instabili, cangianti, timorosi e via discorrendo. Chissà quante volte comportamenti incomprensibili secondo una logica fredda e consolidata secondo gli usi, costumi e consuetudini del tempo trovano ragioni molteplici proprio in quella parte di noi che non appare e che il Sistema, inventore delle cd. Categorie ordinanti l'umano sopravvivere, non vuole che si indaghi per evitare l'anarchia, la ribellione. E la scoperta dell'inconsistenza di tale Sistema che è solo autoritario ma non autorevole. Ad un certo punto del percorso di vita è possibile fare un autoritratto serio. L'io di qua, l'isola dall'altra parte. Noi guardiamo da lontano la nostra vita, il bagaglio formato dalle cose risultanti all'esterno. In realtà l'impossibilità di mettere a nudo la parte coperta e nascosta di noi impedisce a tutti gli altri di conoscerci, di conoscersi veramente. Di penetrare dentro chi veramente siamo ma di tal maniera resta sconosciuta la gran parte di noi a chiunque. Persino ad una moglie o a un figlio. E' la solitudine, per concludere, in cui versa, ob torto collo, ognuno di noi. Soli con il bagaglio più importante e cioè non quello che appare ma quello che non appare. Soli come atomi. Per una vita intera. E chi afferma di conoscere l'altro - la moglie, il figlio - non dice il vero. Dice il falso. Questa è, purtroppo, la tragica condizione dell'uomo. Solitudine, atomismo.

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione