Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi
Pagina non trovata – Il nuovo "L'Eco di Aversa"
 

Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Sorry, no posts matched your criteria.


www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Informazioni sull'articolo

Questa pagina contiene un singolo articolo inserito il 29.05.16 18:58.

L'articolo precedente è
Il Certamen Pompella arriva alla settima edizione Antonella Panza.

Il prossimo articolo è
"Succurre Miseris", grande successo dei tour di Aversa Anna Dello Margio.

Altri articoli sono presenti
nella pagina principale
o negli archivi.


Ricerca un articolo


 

« Il Certamen Pompella arriva alla settima edizione Antonella Panza | Pagina principale | "Succurre Miseris", grande successo dei tour di Aversa Anna Dello Margio »

Quelle mezze banconote... Giuseppe Magliulo

meta.jpg

Prima che qualcuno possa (in cuor suo, certo) contestarmelo, lo dico io: "Voglio vestire i panni del qualunquista". E vorrei brevemente intervenire sulle più che collaudate "tecniche" di accaparramento del consenso elettorale. Volgarmente e più direttamente: sulle modalità per raccogliere quanti più voti possibile.

 

Nel tempo, ne abbiamo sentite di tutti i colori e, direi, quelli con le casacche di tutti i colori ne hanno inventate mille e una. All'epoca della vecchia D.C. (una sorta di vecchia signora del calcio), odiata, ma rispettata ed, ora, addirittura rimpianta alla luce dello sfacelo della politica, cui assistiamo, si prometteva il mitico posto alle....Poste (Gava docet), più miseramente, in occasione delle tornate elettorali amministrative, si assisteva al pagamento, da parte di "galoppini" degli aspiranti consiglieri, di mazzette cospicue di bollette della luce o, ancora, si assisteva al miracoloso incremento nella vendita di televisori, che, altrettanto miracolosamente, a scrutinio terminato, andavano ad illuminare con la loro luce bluastra le misere stanze della popolazione meno fortunata. >>>continua>>>

Che dire, poi, della più volte raccontata - ma mai ne ho presa diretta visione! - "separazione" in due parti precise delle banconote da 50.000 lire un tempo, da 50 euro oggi. Separazioni che sfociavano, poi, proprio come nei matrimoni più turbolenti, in magiche riconciliazioni e riassemblaggi all'indomani delle elezioni, una volta effettuate le verifiche del caso e, dunque, acclarata la opportunità e sussistenza delle condizioni per procedere alla riunificazione e riconciliazione stesse.

Questi metodi antichi e, forse, ancora non del tutto "banditi" (participio passato del verbo bandire, ma se qualcuno ha la proverbiale coda di paglia...faccia pure!!!) hanno sempre indotto un'amara riflessione in me.

Più volte, da più parti ed ogni volta che si profila all'orizzonte una tornata elettorale, ci si ritrova di fronte ad un accorato quanto gratificante invito: "Facciamo una lista delle persone per bene".

Missione, a mio parere, impossibile.

Intanto, perché dovremmo (chi, poi?) avere un parametro certo, conoscere la soglia al di dentro della quale si è per bene (non si dice "perbene") e al di là della quale non lo si è. Ma se anche la soluzione a tale problema di "selezione" fosse possibile, certamente non si andrebbe lontano, anzi non si riuscirebbe neanche a partire.

Il perché è più che palese: le persone che vogliamo definire oneste, perbene, non avrebbero alcuna possibilità di ricevere numericamente il consenso necessario, proprio perché, dall'alto del loro senso etico, mai e poi mai sarebbero disposte ad accaparrarselo coi metodi sopra esposti.

Dei veri e propri "nani", elettoralisticamente, di fronte ai "titani" donatori di televisori, pagatori di bollette e spacciatori di banconote.

Allora? Che si fa? Occorre essere più realisti del re e - non già deporre, ma - neanche imbracciare le armi?

Io una soluzione, provocatoria, certo, ce l'avrei, ma delegherei il tutto a chi fosse, eticamente, disposto a metterla in campo.

Quelli "per bene" dovrebbero, per un tempo limitato, travestirsi da soliti noti della politicastra di bassa lega, per poi fare un "voltafaccia", con tanto di marameo, magari. Per bene e traditori.

Ecco la mia ricetta. Agire, in campagna elettorale, da delinquenti, promettendo, a destra e a manca, questo e quello, per, poi, una volta ottenuta la vittoria, passare al tradimento, al voltafaccia clamoroso. E comportarsi da quelli che realmente si è, persone oneste, che nulla devono chiedere alla politica per sé stessi, ma solo per il bene comune, amministrando senza assecondare le istanze, più o meno, interessate se non proprio illegittime dell'amico di turno o del guappariello di quartiere.

 Ma c'è un ma.

Occorrerebbero cospicui capitali per comprare il consenso, capitali non recuperabili attraverso l'attività politica degli onesti, perché ciò ripugnerebbe al loro stesso senso etico.

Allora? Fine del sogno? Riflettiamo un po'. Forse non c'è davvero una via di uscita.

Non ci resta che sperare che Dio ce la mandi buona. Ma i miracoli - ne ho sentito parlare - esistono.

 

 

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Movable Type Open Source 4.1 - Web Design by ULTRA Studio

Google Analytics
Amministrazione