Archivio articoli

Seguici su:

Scarica l’Eco in PDF!

Vai alla pagina dei downloads

Editoria & CD

Scopri il CD di Domenico Cimarosa e i nostri libri

Enciclopedia di Aversa

L'Enciclopedia di Enzo Di Grazia

Guida turistica breve di Aversa

Guida turistica breve di Aversa

Progetto “Aversa Diversa: 1° Cultura, 2° Turismo”

Progetto Aversa Diversa

Gianguido Taglialatela, chef

Gianguido Taglialatela, chef ristorante Ninco Nanco, Aversa
 

Cultura | Storia
Al Museo Militare si parla di condottieri e battaglie della Napoli spagnola Giovanni Sciullo

condottieri_2.jpgSabato 27 gennaio sarà presentato ad Aversa il volume “Condottieri e battaglie della Napoli spagnola”, l’evento, con inizio alle ore 18, sarà ospitato al Circolo del Fante, ospitato nel centro culturale “Caianiello” di via Tristano (ex Macello).
Il testo analizza e racconta la realtà militare del Regno di Napoli durante il Vicereame spagnolo, mettendo in risalto le vicende dei personaggi, dei comandanti e le campagne cui presero parte i napoletani inquadrati nei “tercios” al servizio della corona di Spagna, protagonisti, tra XVII e XVIII secolo, di celebri fatti d’arme dal Brasile alla Spagna, dalla Francia alla Germania.

Continua a leggere >>>

Cultura | Storia
Le antiche porte di Aversa Luigi Cipullo

ldc-5442259c98ad04.86764041.jpg
Ancora all’inizio dell’Ottocento erano visibili ad Aversa le antiche porte medievali, una stratificazione di passaggi nelle varie cinte murarie, che si era sviluppata nei secoli tra edificazioni, distruzioni, ampliamenti e rifacimenti. Fino all’Ottocento, ma anche fino agli inizi del Novecento, sopravvivono parti di murazioni, porte minori (è il caso di Porta Carrese in Via S. Girolamo i cui resti sono regolarmente inclusi nella facciata di un palazzo, il cui impianto si data proprio all’XI secolo) e rivellini, spesso incorporati in edifici privati. 

Continua a leggere >>>

Cultura | Storia
San Severo al Pendino: “15 anni di arte in vetrina” Enzo Falcone

Locandina A4(1) (1).jpg

Venerdì 23 giugno alle
ore 17,00 presso il
Complesso
Monumentale di San Severo al Pendino
in Via Duomo 286, si inaugurerà la  Mostra di Arte:  “15 anni di Arte in Vetrina” , dell’Associazione
“Storico Borgo Sant’Eligio in collaborazione con il Club per l’UNESCO di Napoli,
con la partecipazione di numerosi artisti. 

Continua a leggere >>>

Associazione Gaetano Parente - Bacheca,Cultura | Storia
Il Caffè di Legenda Letteraria Anna Dello Margio

È stato un inverno ricco di incontri al Salotto del Festival Cimarosa a Palazzo Parente, i giovani di Legenda Letteraria hanno animato una serie di appuntamenti con lettura di testi letterari.
C’è chi dice che i classici sono molto impegnativi e noiosi. Eppure bisogna ricredersi, dopo aver letto “Reparto numero 6”, letto nel mese di novembre, uno dei famosi racconti di Cechov, scrittore russo dallo stile semplice e sobrio, sempre di grande attualità.
E’ un racconto breve, di solo un centinaio di pagine, che però possono bastare ad interrogare il lettore. Una voce scuote la mente e le nostre coscienze e fa sorgere in noi, nei rapporti quotidiani con gli altri, forti interrogativi. È la linea sottile che divide i sani di mente dai malati, e che mostra come siano difficili da comprendere i valori per cui una società consideri una persona folle, da non comprendere che è soltanto un essere umano che non vuole lasciare desideri incompiuti. 


E’ un resoconto delle condizioni manicomiali in cui il tema dominante è quello del limite fra pazzia e normalità. La denuncia di Cechov è contro l’ignoranza, in un degradato padiglione psichiatrico di un ospedale civile della Russia dove sono rinchiuse persone, trattate in un modo disumano. L’incontro fra Andrei Efimyic, psichiatra, con sani principi morali, ma privo di vocazione medica, con il folle Ivan Dmitric, giovane ragazzo pieno di alti valori, ma rinchiuso per la sua forte dedizione al senso civico, alla giustizia e all’onestà, nello scontrarsi con le brutture del mondo e la sofferenza, di cui è stato coinvolto, cambierà solo allora la vita del medico, per aver incontrato solo per caso il mondo della follia. 

È bastata invece una tazza di caffè martedì 20 dicembre, a palazzo Parente in compagnia di Charles Dickens, ci siamo catapultati in un’atmosfera evocativa, in una nuova realtà, fatta di veri valori che non dovremo mai perdere di vista: l’amore, l’amicizia e la solidarietà. È questo il messaggio che lanciano l’ instancabile associazione Gaetano Parente in collaborazione con i ragazzi del blog Legenda Letteraria che continuano la loro missione attraverso la lettura di stralci di opere letterarie, stavolta con un classico libro natalizio che non conosce tempo come “Canto di Natale” sempre di grande attualità, suscitando emozioni e sentimenti, con la presenza di un folto pubblico. L’uomo per poter cambiare ha bisogno di essere sorpreso da qualcosa di veramente forte, è questo che capita a Scrooge, il protagonista del celeberrimo romanzo di Charles Dickens, un uomo anziano, avaro ed egoista che diventa buono e altruista proprio nel giorno di Natale, riceve la visita di tre fantasmi: lo spirito del Natale presente, lo spirito del Natale passato e lo spirito del Natale futuro. 

Scrooge è testardo non vuole cambiare, è attaccato ai soldi e agli affari e perciò legato dalle sue catene, vive nella sua ombra, ma con l’ arrivo dei fantasmi, qualcosa cambia. La sua coscienza, viene scossa dai fantasmi che lo portano per mano ripercorrendo la sua esistenza attraverso il suo presente e gli mostrano ciò che accadrà in futuro, prende coscienza di tutto ciò e si pente cercando in tutti i modi di rimediare. Può, oggi l’uomo liberarsi dagli errori del passato, c’è ancora una speranza? Dickens, ci insegna un qualcosa di veramente prezioso: la rinascita morale dell’individuo attraverso questo bellissimo racconto, che con la sua note dolente denuncia le diseguaglianza sociale, che esistono purtroppo ancora tutt’oggi. Meraviglia , e magia del Natale si fondano per dare vita ad un miracolo. È il Natale del cambiamento a dare inizio alla trasformazione di un cammino di una profonda riflessione di come l’ egoismo non prenda il sopravvento sull’amore. E’ un Natale di condivisione , capace di scuoterci, di non lasciarci indifferenti, un cammino di speranza che si apre come è accaduto a Scrooge.

Cultura | Storia
La scuola violoncellistica di Ciandelli Salvatore de Chiara

cian.jpg

È stato recentemente pubblicato per i tipi della Libreria Musicale Italiana un nuovo importante saggio di Enrica Donisi dal titolo “La scuola violoncellistica di Gaetano Ciandelli”. La studiosa, musicologa e storica della musica, che già in passato, con le sue ricerche sulle Scuole Musicale dell’Istituto San Lorenzo e sulle Bande Musicali Militari, ha messo in luce l’importante ruolo di Aversa nello sviluppo della musica moderna, riscopre in questo nuovo libro la storia della scuola violoncellistica che prese le mosse, nel XIX secolo, da Gaetano Ciandelli. 


Nato a Napoli nel 1801, Ciandelli è stato un illustre violoncellista a lungo sottovalutato, fu allievo di Niccolò Paganini che lo additò finanche quale alter-ego di sé stesso. Virtuoso incontrastato, si dedicò prevalentemente all’insegnamento, sia presso il Conservatorio San Pietro a Maiella sia presso l’Orfanotrofio San Lorenzo, ove fu a lungo docente, ma soprattutto come precettore privato trasmettendo la sua arte ad una numerosa progenie di allievi che diffusero le sue innovazioni in tutto il mondo. Ciandelli operò una profonda innovazione della tecnica e della didattica, una vera rivoluzione per i suoi tempi, dando origine alla scuola che ora, grazie all’opera della Donisi che attinge fonti inedite e presenta nuove letture dei dati conosciuti, gli viene giustamente attribuita. Sui principali allievi furono Domenico Laboccetta, Carlo Mercadante e Gennaro Giarritiello, che ebbe a sua volta come allievo Giuseppe Magrini da cui si sviluppò la scuola violoncellistica milanese che ebbe tra gli epigoni Luigi Broglio, iniziatore della scuola violoncellistica a Padova, Ferruccio Carlo Alberti e Mario Pezzotta. A Roma fu Ciandelli medesimo a formare una scuola di violoncellisti applicando il suo metodo, che continuerà a svilupparsi fiorente fino alla prima metà del ‘900. Per gemmazione si sviluppò poi una attiva scuola ciandelliana in sud America, in particolare in Cile con l’opera di Luigi Giarda e poi in Argentina. Anche la musica per clarinetto si giovò dell’opera di Ciandelli, il cui ruolo didattico risultò propedeutico per i giovani strumentisti a fiato o per gli studenti di composizione e contrappunto. 


Ad Aversa furono numerosi gli studenti di Ciandelli, da Pasquale Lozzi, che dopo essere stato allievo del San Lorenzo vi divenne professore di contrappunto, a Generoso Risi, clarinettista che fu direttore di banda a Londra. Al San Lorenzo di Aversa si sviluppò grazie alle innovazioni del Ciandelli anche una valente arte di accordatori e costruttori di strumenti, assecondata da docenti illuminati dell’orfanotrofio come Ferdinando Pinto. L’opera di Enrica Donisi è dunque una novità assoluta, un lavoro rigoroso e completo che getta una luce del tutto inedita su un argomento di grande interesse per la storia della musica. Proprio in virtù dell’importante apporto scientifico, la pubblicazione ha ricevuto il patrocinio dell’Ambasciata del Cile in Italia, del Dipartimento di Architettura della Seconda Università di Napoli e del Teatro San Carlo di Napoli.

Associazione Gaetano Parente - Bacheca,Cultura | Storia
Al via il 24 novembre il Caffè Letterario di Palazzo Parente Anna Dello Margio

Se è vero che il caffè è una scusa non c’è scusa migliore per invitare un amico a
leggere un buon libro. A questo hanno pensato gli autori di Legenda Letteraria, il
blog dal quale si è sviluppata l’associazione nata per iniziativa di un gruppo di
giovani volontari appassionati di lettura, in primo luogo Fedele Menale e Martino
Santillo che, in strettissima collaborazione con l’associazione Gaetano Parente e
l’associazione il Giardino degli Aranci, daranno vita al “Caffè Letterario” della nuova
stagione del Salotto del Festival Cimarosa
Il primo appuntamento del “Caffè letterario” è inserito nel ricco programma del
Festival Cimarosa e degli eventi natalizi di Palazzo Parente, si svolgerà nella serata di
giovedì 24 novembre dalle ore 19:00 con l’evento “Parliamo di Anton Cechov” . 


L’iniziativa si prefigge di sensibilizzare i cittadini aversani, e non solo, all’amore per
la lettura e per l’approfondimento letterario e culturale.
“Il caffè letterario”, nasce soprattutto dalla voglia di stare insieme e di condividere,
creando un punto di incontro in cui le attività culturali convivono, intersecandosi
attraverso la fattiva collaborazione dei partner, affinchè possano offrirsi contenuti di
alto spessore culturale e soprattutto momenti di riflessione. Si può in tal modo
innestare un percorso in cui l’arte e la comunicazione siano il fiore all’occhiello. 

Cultura | Storia
Successo per la presentazione di PerdonaTe

gord1.jpg

Ha fatto registrare una grande partecipazione di pubblico l’incontro dello scorso 17 novembre a Palazzo Parente, ad Aversa, sul tema del perdono, incentrato a partire dal libro PerdonaTe di Domenico Delle Curti.  L’evento è stato promosso dalla psicoterapeuta Teresa Gordon in collaborazione con l’Associazione “Gaetano Parente” ed ha aperto ufficialmente gli appuntamenti del Salotto del Festival Cimarosa, lo spazio per l’arte, la letteratura e l’attualità che tradizionalmente accompagna la rassegna musicale dedicata al grande compositore aversano.  La presentazione si è svolta con un incontro-dibattito, moderato dal direttore de L’Eco di Aversa Salvatore de Chiara, nel quale il tema il perdono è stato presentato come lungo processo di comprensione per raggiungere la serenità attraverso la liberazione dal dolore. 


Il testo di Delle Curti racconta la storia, in parte ispirata a fatti reali, di una donna abusata che riesce a scorgere ed a considerare la sofferenza del proprio aggressore, il quale, nel lungo periodo carcerario cui è sottoposto, farà emergere i lati profondi della propria personalità. Sono intervenuti, oltre a Domenico Delle Curti, Teresa Gordon, presidente dell’associazione Coming-out Parliamone e membro dell’Associazione Nazionale Donne Operate al Seno, lo psicoterapeuta Pino Tartaglia, l’avvocato Raffaele Delle Curti presidente dell’associazione URBE ed il magistrato Nicola Graziano. A far gli onori di casa l’avvocato Antonio Santi, presidente dell’Associazione “G. Parente” ed animatore degli eventi culturale di Palazzo Parente. 

In particolare, nel suo intervento, Teresa Gordon ha auspicato: “La riscoperta dei valori reali, di una realtà fatta di profumi e sapori che la virtualizzazione dell’esistenza sta facendo scomparire”, Pino Tartaglia, inoltre, ha evidenziato come: “Perdonare non è tanto o solo perdonare un altro ma fondamentalmente “perdonare se stessi”. Per arrivare al perdono a mio avviso occorre attraversare la rabbia che ci si porta dentro dall’offesa subita.” 

gord2.jpg
gord3.jpg
gord4.jpg

Attualità,Cultura | Storia
PerdonaTe, incontro a Palazzo Parente Giulio Caracciolo

locandina 17.jpgGiovedì 17 novembre, alle 19.30, sarà presentato a Palazzo Parente, ad Aversa, il libro PerdonaTe di Domenico Delli Curti, il testo vuole porre l’attenzione sul tema del perdono quale elemento per ritrovare la propria serenità interiore. L’evento è stato promosso dalla psicoterapeuta Teresa Gordon in collaborazione con l’Associazione “Gaetano Parente” ed è inserito nel programma del Salotto del Festival Cimarosa, che tradizionalmente si svolge nella cornice cinquecentesca dell’antico Palazzo in via Gaetano Parente. La presentazione si svolgerà nel corso di un incontro-dibattito, moderato dal direttore de L’Eco di Aversa Salvatore de Chiara, che avrà come tema il perdono come lungo processo di comprensione per raggiungere la serenità attraverso la liberazione dal dolore. 


Teresa Gordon, presidente dell’associazione Coming-out Parliamone e membro dell’Associazione Nazionale Donne Operate al Seno, porrà particolarmente l’attenzione sulla questione femminile del perdono in relazione alle vittime di violenze. Oltre all’autore Domenico Delli Curti, interverranno Antonello Velardi, giornalista e Sindaco di Marcianise, lo psicoterapeuta Pino Tartaglia, l’avvocato Raffaele Delli Curti presidente dell’associazione URBE ed il magistrato Nicola Graziano. Il 20% del ricavato della vendita del libro sarà devoluto al comitato di Aversa dell’A.N.D.O.S.-Onlus.

Cultura | Storia
Aversa ricorda l’Ammiraglio Ruta

rutaWEB.JPG

Il Civico Museo di Storia Militare commemorerà sabato 8 ottobre l’ammiraglio Francesco Ruta, nato ad Aversa nel 1899, pluridecorato al Valor Militare durante la Seconda Guerra Mondiale, che dal 1957 al 1960 fu comandante NATO del Mediterraneo centrale e comandante del Dipartimento Marittimo del Basso Tirreno. Dalle ore 10.30, presso l’ex Macello in via Lennie Tristano, sarà tracciato il percorso militare ed umano di un aversano che ha attraversato ai massimi livelli quarant’anni di storia italiana. Interverranno il Curatore del Museo Salvatore de Chiara, l’assessore alla cultura di Aversa Alfonso Oliva e la professoressa Patrizia Tirozzi, nipote dell’ammiraglio Ruta, che ha voluto donare numerosi cimeli, che verranno esposti in una apposita teca che sarà inaugurata nella stessa giornata.

Attualità,Cultura | Storia
Presentato il Premio D’Aponte SdC

DSCN1531.JPGQuesta mattina è stata presentata ufficialmente la dodicesima edizione del premio Bianca D’Aponte, un evento dedicato ad un grande talento aversano precocemente scomparso che in tanti anni ha saputo crescere e diventare punto di riferimento internazionale che onora la città di Aversa. Direttore artistico riconfermato alla guida è Fausto Mesolella. L’amministrazione comunale, presente alla conferenza stampa di presentazione con il Sindaco Enrico de Cristofaro e l’Assessore alla cultura Alfonso Oliva, è quest’anno tra gli organizzatori della manifestazione, segno di una costante attenzione alla promozione culturale della città. Nel corso della conferenza il Sindaco ha dichiarato:”La forza e la determinazione di Gaetano D’Aponte sono state il motore di questo premio, che egli ha voluto legare indissolubilmente alla città di Averrsa, abbiamo sostenuto sin da subito i suoi sforzi inserendo il Premio D’Aponte nella nostra progettazione e continueremo a sostenerlo in ogni modo possibile anche nel futuro”. 


L’Amministrazione, infatti, oltre al proprio patrocinio, ha garantito un proprio contributo economico all’organizzazione ed ha risolto insieme all’associazione Bianca D’Aponte tutte le questioni organizzative. “Il nostro obbiettivo – ha proseguito il Sindaco – è realizzare una fondazione che possa continuare negli anni ad organizzare il premio che rappresenta una eccellenza per Aversa”. Anche l’assessore Alfonso Oliva ha sottolineato l’impegno della giunta comunale: “Conoscevo Bianca personalmente e sono onorato di poter contribuire a tenerne vivo il ricordo, sin dal momento della mia nomina mi sono adoperato per l’organizzazione di eventi culturali che promuovessero il fermento che si avverte in città. Anche se siamo a lavoro da pochi mesi abbiamo realizzato già diverse iniziative, gli aversani se ne sono accorti”. Sindaco ed Assessore hanno poi preso un impegno anche su Casa Cimarosa, a breve inizieranno i lavoro e sarà completata per divenire popolo culturale cittadino, non un’oasi nel deserto ma un luogo di aggregazione e di cultura dedicato alla musica, di cui l’associazione D’Aponte, assieme agli altri operatori culturali, sarà protagonista.
Vecchi articoli »

www.ecodiaversa.com
Creative Commons License Questo sito utilizza un licenza Creative Commons License - Powered by Wordpress - Web Design by Claudio Lippi

Google Analytics
Amministrazione